«Fogli d'arte» è una pubblicazione identificata univocamente da un codice ISSN (International Standard Serial Number), attribuito in data 7 marzo 2008: ISSN 1974-4455. Per comunicazioni: foglidarte@gmail.com.

giovedì 27 marzo 2008

Busto Arsizio, il teatro Sociale ritrova il suo ridotto

Il milanese Celestino Usuelli, primo trasvolatore delle Alpi con il pallone aerostatico Regina Margherita, vi tenne, nella giornata del 29 marzo 1908, una conferenza sui primordi dell’aviazione italiana. I futuristi Filippo Tommaso Marinetti ed Enrico Prampolini vi presentarono, nella serata del 4 novembre 1930, la cerimonia d’apertura dei corsi dell’Istituto fascista di cultura. E sette mesi dopo, il 18 maggio 1931, furono ospiti di un buffet, organizzato dall’aero-pittore bustese Ivanhoé Gambini, con vivande avanguardiste come l’Alfabeto alimentare e il Carneplastico. Il pugile padovano Bruno Bisterzo vi festeggiò, in una nottata del novembre 1940, il suo primo titolo italiano. Grandi attori come Cesco Baseggio, Paola Borboni, Ernesto Calindri, Gino Cervi, Vittorio De Sica, Aldo Fabrizi, Emma Gramatica, Anna Magnani, Ruggero Ruggeri, Raffaele Viviani ed Ermete Zacconi si intrattennero tra le sue pareti, firmando fotografie, sorseggiando spumante e raccogliendo commenti sulle proprie performance teatrali. Ritorna a vivere, dopo più di mezzo secolo di chiusura, il ridotto del teatro Sociale di Busto Arsizio, piccolo gioiello architettonico dagli antichi stucchi in gesso e dalle ampie e luminose vetrate, dotato di terrazza panoramica, che l’architetto milanese Achille Sfondrini, già autore del Carcano di Milano (1872) e del Costanzi di Roma (1880), l’attuale teatro dell’Opera, fece costruire, nel 1891, sopra l’atrio di ingresso della sala teatrale.Per più di cinquant’anni, fino al periodo immediatamente successivo alla fine della seconda guerra mondiale, in questi spazi, illuminati da una splendida volta a schifo dai toni azzurro cielo, si susseguirono feste, trattenimenti danzanti, fastosi banchetti di matrimonio, incontri, conferenze e serate musicali come quelle, molto applaudite, con l’arpista Luigi Maria Magistretti (24 maggio 1908) e con il soprano bustese Teresa Bulling Basilico (27 settembre 1913).
Il ridotto –lo ricordano alcuni articoli della Cronaca prealpina- fu anche palcoscenico di importanti celebrazioni, come i festeggiamenti per la fine del primo conflitto bellico e la cerimonia commemorativa per la morte del premio Nobel Luigi Pirandello, che si tenne il 24 gennaio 1937 (poco più di un mese dopo la scomparsa dello scrittore siciliano) e che vide anche esibirsi, sul palcoscenico della sala teatrale, la Compagnia per gli spettacoli d’arte, diretta da Marcello Giorda, ne L’uomo, la bestia e la virtù.
Con la fine della seconda guerra mondiale, il teatro Sociale cedette al fascino del cinema e, mentre nella «sala grande» il pubblico accorreva per vedere pellicole come la divertente Due cuori tra le belve con Totò e La collana di perle di Helmut Kautner, il ridotto cambiava destinazione d’uso, diventando «casa da gioco e trattenimenti privati». «Innumerevoli sono gli aneddoti –ricorda Guido Poggi nel libro Del teatro. 150 anni di vita teatrale a Busto Arsizio, pubblicato nel 1991 dagli Amici del liceo- riguardanti facoltosi bustocchi, che in quella sala vi “lasciarono le penne”, malgrado leggendarie vincite nei casinò nazionali».
Tra il 1954 e il 1955, il fiorire sempre maggiore dell’industria cinematografica fece sì che il tema del teatro Sociale venisse ripreso totalmente. Mario Cavallè, l’architetto incaricato del restauro, stravolse ogni preesistenza, lasciando intatti i soli atri, i locali di servizio, il retrostante palcoscenico e i muri perimetrali. La balconata prese il posto dei palchetti. La volta affrescata con disegni di influenza dechirichiana all’epoca del restauro di Antonio Ferrario e Ignazio Gardella, nel 1935, venne ricoperta per migliorare l’acustica della sala. Mentre il ridotto, che da allora non fu più utilizzato, venne notevolmente ridimensionato per far posto alla cabina di proiezione cinematografica.
E’, quindi, un interessante frammento di storia locale quello che l’associazione culturale Educarte ha voluto riportare alla luce, occupandosi dell’intervento di restyling dello spazio, intervento in parte già realizzato grazie al contributo economico della Fondazione Cariplo di Milano e visibile dal pubblico nella serata di giovedì 27 marzo, durante la prima nazionale dello spettacolo Karol Wojtyla, di e per la regia di Delia Cajelli. Sarà, infatti, il ridotto, conosciuto anche come salone delle feste, a fare da palcoscenico alla rappresentazione della poesia La cava di pietra del 1956, in cui il futuro papa Giovanni Paolo II ricorda la sua esperienza di spaccapietre nella miniera di Zakrzowek, nei pressi di Cracovia.
L’intervento conservativo, che porta la firma dell’architetto bustese Daniele Geltrudi, intende tenere conto delle scelte strutturali e cromatiche del costruttore e dei vari restauratori che si sono succeduti tra le sale del teatro Sociale; unica novità è l’inserimento al centro della sala centrale di una skenè, ovvero uno spazio scenico a forma di u delimitato da tre pareti. Il nuovo ridotto della sala di piazza Plebiscito, le cui attività dovrebbero prendere avvio il prossimo autunno, è stato, infatti, concepito come una sala teatrale per spettacoli “di nicchia”, a platea mobile, oltre che come spazio per conferenze, presentazioni di libri e mostre.


Informazioni utili

Il teatro Sociale Srl, piazza Plebiscito 1 – Busto Arsizio (Varese). Orari uffici: lunedì-venerdì 16.00-18.00; sabato 9.00-12.00. Informazioni: tel. 0331 679000. Sito web:
www.teatrosociale.it.

giovedì 20 marzo 2008

Busto Arsizio, al Sociale il teatro di Karol Wojtyla

Una casa privata, cinque attori, venti spettatori, una candela e qualche brano di Frédéric Chopin al pianoforte: iniziò così l’avventura del Teatro rapsodico clandestino di Crocovia, fondato negli anni Quaranta, in pieno regime nazista, dal professore Mieczyslaw Kotlarczyk, insegnante di lingua polacca e teorizzatore di una forma di rappresentazione legata al culto della «parola viva», dove si cessava di far uso di sipario e palcoscenico tradizionale, nonché di scene, costumi e trucco, per dare spazio prioritario alle rime e al ritmo di un’opera teatrale. Un'esperienza, questa, che segnò profondamente la gioventù di Karol Wojtyla. Nacquero in quegli anni piéce come La bottega dell’orefice, Fratello del nostro Dio e Giobbe, che rivelano un talento capace di esprimere poeticamente i più profondi concetti di carattere teologico e filosofico.
La passione del futuro papa Giovanni Paolo II, allora studente di filologia polacca all’Università Jaghellonica di Cracovia, non si limitò, però, alla sola stesura di commedie e drammi: Karol Wojtyla -lo si evince da testi autobiografici come Dono e mistero nel cinquantesimo anniversario del mio sacerdozio (1996) e Alzatevi, andiamo! (2004) - sperimentò e visse in prima persona tutte le componenti del teatro, esercitando i ruoli di voce recitante, attore, regista e, persino, critico teatrale per il settimanale Tygodnik Powszechny, dove scrisse dal 1959 al 1961, quando era già sacerdote, con lo pseudonimo di Andrzej Jawien.
A questa esperienza giovanile di papa Giovanni Paolo II e alla storia, romantica e avventurosa, del Teatro rapsodico -definito anche «teatro delle catacombe» perché recitato in clandestinità, per pochi «iniziati» e con il costante timore di una retata nazista- è dedicata la nuova produzione del teatro Sociale di Busto Arsizio: Karol Wojtyla, con testo e per la regia di Delia Cajelli.
Lo spettacolo -che debutta alle 21 di giovedì 27 marzo 2008, nell’ambito di BA Teatro–Stagione cittadina 2007/2008- vedrà salire sul palco Ambra Greta Cajelli, Gianluigi Colombo, Davide De Mercato, Gerry Franceschini, Giorgio Paiano e Anita Romano. A loro il compito, non facile, di raccontare un aspetto intimo e ancora poco approfondito della figura di papa Giovanni Paolo II, l’«attore di Dio»: la sua passione per il teatro, «veicolo di un messaggio capace di esercitare un grande influsso su quanti, come attori o spettatori, vi partecipano», e –soprattutto- la sua continua esplorazione del mistero della parola, quale mezzo per la ricerca del senso ultimo delle cose e della vita e, quindi, di Dio.
«La pièce –spiega Delia Cajelli, direttrice artistica del teatro di piazza Plebiscito- sarà propedeutica a un altro evento in programma al Sociale nei prossimi mesi. Sabato 28 giugno, la sala ospiterà, infatti, -su invito di monsignor Claudio Livetti e nell’ambito delle celebrazioni per la festa patronale di Busto Arsizio- La bottega dell’orefice, una meditazione sul sacramento del matrimonio scritta nel 1960».
L’appuntamento di giovedì 27 marzo si configura, pertanto, come un itinerario didattico all’interno della produzione teatrale e, soprattutto, poetica di papa Giovanni Paolo II, un itinerario che sarà segnato profondamente dalla parola e dall’emozionalità e che presenterà gestualità e scenografie ridotte all’essenziale, secondo i dettami della tradizione del Teatro rapsodico.
Numerosi i brani che la compagnia Attori del teatro Sociale porterà in scena, in uno spettacolo itinerante che toccherà vari spazi della sala: palcoscenico, atrio e «Ridotto». Il testo spazia, infatti, dalla poesia Sulla tua tomba bianca della primavera 1939, scritta in ricordo della madre Emilia, alle Meditazioni sulla Genesi, estrapolate dal Trittico romano del marzo 2003, in cui papa Giovanni Paolo II si ferma in contemplazione sulla soglia della Cappella Sistina ed elogia l'opera di Michelangelo che, attraverso una «ricchezza affluente di colori», ha saputo tradurre in visione concreta quello stupore che vive ed esiste nell'atto straordinario della Creazione. La poesia, redatta durante un soggiorno nella residenza estiva di Castelgandolfo, si chiude con un passo intenso, in cui Wojtyla si rivolge con chiarezza ed estrema serenità ai cardinali del Conclave successivo alla sua morte, auspicando che essi vengano illuminati e guidati dalla luce e dalla trasparenza delle immagini affrescate: «Gli uomini, a cui è stata affidata la tutela del lascito delle chiavi, -scrive il papa polacco- si riuniscono qui, lasciandosi avvolgere dalla policromia sistina, da questa visione che Michelangelo ci ha trasmesso. Era così nell'agosto e poi nell'ottobre del memorabile anno dei due conclavi, e così sarà ancora, quando se ne presenterà l'esigenza dopo la mia morte. Bisogna che a loro parli la visione di Michelangelo».
Il testo Karol Wojtyla prosegue con la presentazione di brani dedicati ai temi del lavoro, della multiculturalità e della fede come Canto dello splendore dell’acqua (1950), Profili di Cireneo (1957), Il negro (1962), Pellegrinaggio ai luoghi santi (1965), Veglia pasquale (1966), Meditazioni sulla morte (1975) e La cava di pietra (1956), poesia quest’ultima che ricorda gli anni in cui papa Giovanni Paolo II lavorò come spaccapietre nella miniera di Zakrzowek e che verrà recitata nel cantiere del «Ridotto», permettendo al pubblico di conoscere uno spazio del teatro Sociale di prossima apertura: il vecchio Salone delle feste, di cui l’associazione culturale Educarte sta curando il restyling.
Chiuderanno lo spettacolo la Preghiera per la pace, recitata per la prima volta al Peace memorial di Hiroshima, tenutosi il 25 febbraio 1981 in ricordo delle vittime del primo bombardamento nucleare, e il Decalogo della pace, presentato il 24 gennaio 2002 ad Assisi durante l’incontro con i capi religiosi di tutto il mondo. Il pubblico potrà, inoltre, ascoltare due interviste ad amiche e colleghe attrici di papa Giovanni Paolo II: Danuta Mickalowska e Halina Kròlikiewicz.

Didascalie delle immagini
(fig. 1) Karol Wojtyla da giovane

Informazioni utili
Karol Wojtyla. Teatro Sociale, piazza Plebiscito 1 - Busto Arsizio. Data: 27 marzo 2008, ore 21.00. Ingresso: € 16.00/12.00. Informazioni: tel. 0331 679000. Sito Web: www.teatrosociale.it.

martedì 18 marzo 2008

«Perché non parli?»: arti a confronto all'Oberdan di Milano

Ecologia, poesia, politica, psicologia, design e moda: queste le forme di espressione artistica e culturale al centro di Perché non parli? L’arte tra le discipline, ciclo di incontri che prende il via oggi, martedì 18 marzo, allo Spazio Oberdan di Milano.
«L’iniziativa -si legge nella nota stampa- rientra nel progetto InContemporanea. La rete dell’arte, giunto al suo terzo anno, con cui la Provincia di Milano intende promuovere l’arte del presente intesa come risorsa indispensabile per la riqualificazione urbana, sia dal punto di vista culturale che da quello sociale ed economico».
Sei gli incontri in programma
, che da marzo a maggio vedranno al tavolo dei relatori alcune voci qualificate del settore culturale come Bartolomeo Pietromarchi, Francesca Pasini, Cesare Cunaccia, Luca Guerrini, Roberto Pinto e Giorgio Verzotti.
Obiettivo prioritario della rassegna è, nello specifico, quello di raccontare le relazioni che l'arte intrattiene con ambiti e discipline diversi, raccontando come appropriazioni e prestiti forniscano idee e stimoli sempre nuovi per raccontare la società, la propria epoca.

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con UniCredit, gruppo di servizi bancari e finanziari paneuropeo, che nel 2004 ha varato il progetto UniCredit & l’arte, grazie al quale opera in partnership con musei e istituzioni italiane e internazionali con l’obiettivo di divulgare la cultura e i linguaggi della contemporaneità valorizzando le giovani risorse creative del nostro Paese.

Ad aprire la rassegna sarà alle 18 di oggi, martedì 18 marzo, un incontro dal titolo Arte ed ecologia, introdotto da Gabi Scardi e con Bartolomeo Pietromarchi, critico e curatore d’arte romano, già segretario generale della Fondazione Adriano Olivetti, autore di documentari sull’arte e gli artisti nel contesto urbano e curatore del programma televisivo Factory per Sky Cult.

La sua conferenza racconterà l’interesse degli artisti per le tematiche ecologiche e l'ambiente naturale a partire dagli anni Settanta, epoca in cui nascono movimenti come la Land art e l’Arte povera, per arrivare alle recenti ricerche artistiche che stanno ridefinendo il concetto stesso di ambiente: una nuova coscienza ecologica che va al di là delle semplici premesse naturali ma che affronta questioni di emergenza, di politica e di filosofia.
Le lezioni proseguiranno lunedì 31 marzo 2008 con un incontro dal titolo Arte e poesia, condotto da Francesca Pasini e introdotto da Giacinto Di Pietrantonio, nell’ambito della mostra Rumore: un buco nel silenzio, aperta fino a domenica 25 maggio allo Spazio Oberdan, all’interno della quale è possibile vedere le opere di ventuno artisti contemporanei che si sono confrontati con il complesso panorama dei suoni, dei rumori, dei brusii e dei silenzi.

Martedì 22 aprile Roberto Pinto parlerà, invece, di Arte e politica; mentre il 6 maggio Giorgio Verzotti intratterrà i presenti con un incontro dal titolo Arte e poesia. Lunedì 12 maggio sarà, dunque, la volta di Luca Guerrini, che terrà una lezione sul tema Arte e design. Chiuderà la rassegna, lunedì 20 maggio, un incontro con Cesare Cunaccia, introdotto da Giacinto Di Pietrantonio, su Arte e moda.

Tutti gli incontri si tengono dalle 18 alle 20 e sono a ingresso gratuito e libero.

Didascalie delle immagini
(fig. 1) Logo dell’iniziativa Perché non parli? L’arte tra le discipline; (fig. 2) Ritratto di Bartolomeo Pietromarchi

Informazioni utili
Perché non parli? L’arte tra le discipline. Spazio Oberdan, viale Vittorio Veneto 2 – Milano. Inizio incontri: ore 18.00. Ingresso: libero (si consiglia la prenotazione all’indirizzo e-mail: incontemporanea@provincia.milano.it. Per informazioni: Provincia di Milano/Servizio Arti visive, tel. 02.7740.6381/6341. sito Web: www.provincia.milano.it/cultura. Date: dal 18 marzo al 20 maggio 2008.

domenica 16 marzo 2008

Map di Castiglione Olona: design, plastica e Medioevo in dialogo

Quale può essere il fil rouge che lega un palazzo quattrocentesco, una fabbrica di pettini e bottoni e un gruppo di rinomati artisti contemporanei, italiani e stranieri? Un grande interesse per poliuretano, poliestere, vinile e rhodoid. In una parola: la plastica, con le sue differenti sfumature di colore e con le sue infinite possibilità creative.
Dall’estate del 2004, Castiglione Olona -paesino medioevale a pochi chilometri da Varese, noto ai più come l'«isola di Toscana in Lombardia» per le sue numerose testimonianze pittoriche di area fiorentina e senese– accoglie, nelle quattrocentesche sale di Palazzo Castiglioni di Monteruzzo, conosciuto anche come la Corte del Doro, il Map [Museo d’arte plastica].
Accanto ai dipinti rinascimentali del fiorentino Masolino da Panicale e dei senesi Paolo Schiavo e Lorenzo di Pietro detto il Vecchietta (gli artisti toscani che il cardinale Branda Castiglioni chiamò nel borgo con l'intento di ricrearvi la «cittadella ideale», teorizzata dagli urbanisti quattrocenteschi), la località lombarda offre, dunque, ai suoi numerosi visitatori una finestra sull’arte contemporanea, ospitando il primo museo italiano dedicato alle arti plastiche.
Tra gli antichi affreschi gotici dello splendido Palazzo Castiglioni di Monteruzzo, dove finti tendaggi e teorie di pappagalli s'alternano a ghirlande di fiori e nastri intrecciati, rivive, infatti, l'esperienza di Polimero arte, centro di ricerche estetiche della Mazzucchelli celluloide 1849, ditta leader nel settore della produzione dei materiali sintetici, specializzata in pettini fatti con unghie di animali e in bottoni in osso, corno e tartaruga, che, tra il 1969 ed il 1973, chiamò alcuni tra i migliori artisti nazionali e internazionali del periodo come Giacomo Balla, Enrico Baj, Carla Accardi e Man Ray a lavorare, sotto la guida di Gillo Dorfles e con l'aiuto dei suoi dipendenti, per realizzare oggetti d'arte.
I multipli nati da questo esperimento, che fuse felicemente mondo della creatività e industria, -in tutto una cinquantina- sono stati esposti saltuariamente nell'ultimo trentennio. Tra le poche mostre allestite si segnalano, per esempio, Nuovi materiali, nuove esperienze alla sesta rassegna d'arte contemporanea di Acireale del 1972 e Tempo e spazio al Festival dei due mondi di Spoleto dello stesso anno.
Appare, pertanto, di grande interesse l'iniziativa del Comune di Castiglione Olona, che si è avvalso per la realizzazione di questa sua struttura, parte integrante del Polo museale cittadino con il Palazzo Branda Castiglioni e il Castello di Monteruzzo, delle competenze dello storico dell'arte Rolando Bellini e della designer Sara Frattini.
Ai due è spettato il compito, non facile, di collegare con un filo rosso passato e presente, di accostare l'architettura e la vivace pittura rinascimentale dell'edificio alle produzioni artistiche contemporanee dai colori intensi, realizzate, con materiali tecnologicamente avanzati e artisticamente poco usati, nel vicino Castello di Monteruzzo.
Ecco così le forme divertenti della scultura Personaggio di Enrico Baj, i fiori geometrici de La stilizzazione di foglia (1970) di Giacomo Balla o, ancora, il curioso Boule sans neige (1971) di Man Ray dialogare con antichi affreschi di autori ignoti, raffiguranti prevalentemente alberi e animali su sfondo rosso mattone, ma anche con opere realizzate nei decenni successivi, da moderni alchimisti della materia quali Marcello Morandini, Vittore Frattini e Giorgio Vicentini. L'esperienza di Polimero arte ha, infatti, avuto una felice propaggine negli ultimi quindici anni, con sperimentazioni estetiche nel campo del design e della moda, che hanno dato origine a mostre quali Dalla tartaruga all'arcobaleno alla Triennale (1985), Scenes de mode, scenes du monde a Parigi (1992) e L'occhiale in plastica, voglia di colore, voglia di design al Palazzo delle Stelline di Milano (1999).
L'iniziativa è indubbiamente curiosa e, per certi versi, anche coraggiosa, visto che Castiglione Olona ha sempre legato le sue sorti ai monumenti fatti costruire nel XV secolo dal cardinal Branda Castiglioni, dalla splendida Collegiata al Battistero, dall'attuale Museo civico alla Chiesa di Villa.
L’arte contemporanea, anche grazie a esposizioni temporanee, è, dunque, l’ultima carta che il borgo medioevale ha deciso di giocare per attirare nuovi turisti. Ecco così, per esempio, che il Map accoglie, fino a domenica 22 marzo, la mostra Sculture in plexiglass, che presenta una trentina di opere realizzate da Marcello Morandini (Mantova, 1940) tra il 1990 ed il 2007, risultato di studi condotti sull'evoluzione geometrica e matematica delle figure del cerchio, della spirale e del quadrato. Un suadente gioco di bianco e nero in dialogo con antico e moderno.

Didascalie delle immagini
(fig. 1) Veduta esterna del Map [Museo d’arte plastica] di Castiglione Olona, Varese; (fig. 2) Veduta interna del Map [Museo d’arte plastica] di Castiglione Olona, Varese; (fig. 3) Giacomo Balla, Stilizzazione di fiore, 1971. Sicoglass; (fig. 4) Man Ray, Boule sans neige, 1970. Colata di resina poliestere, melamina, sicoglass, sicostrirol; (fig. 5) Marcello Morandini, Scultura n.363, 1990. Plexiglass bianco e nero; (fig. 6) Morandini, Scultura n.363 (particolare), 1990. Plexiglass bianco e nero.
[Le immagini pubblicate sono state fornite dal Divisione turismo del Comune di Castiglione Olona o sono tratte dal catalogo della collezione, pubblicato per i tipi delle edizioni Map]


Informazioni utili
MAP. Museo d'arte plastica. Palazzo Castiglioni di Monteruzzo, via Roma 29 - Castiglione Olona (Varese). Orari: martedì-sabato 9.00-12.00 e 15.00-18.00, domenica10.30-12.30 (dal 1 aprile al 31 settembre) e 15.00-18.00. Ingresso (il biglietto è unico per la visita al Sistema museale di Castiglione Olona): intero € 2.50; ridotto € 1.50. Catalogo: edizioni Map. Informazioni e visite guidate (max. 15 persone): Comune di Castiglione Olona - assessorato alla Cultura, tel. 0331.824801 e tel. 0331.858301
. Web Site: www.museoarteplastica.it. Elenco degli artisti esposti: Carla Accardi, Filippo Avalle, Enrico Baj, Giuliana Balice, Giacomo Balla, Elvio Becheroni, Valentina Berardinone, Gianni Colombo, Medeiros De Lima, Camillian Demetrescu, Marcolino Gandini, Peter Gogel, Mario Guerini, Hsiao Chin, Fluvia Levi Bianchi, Anna Marchi, Smith Miller, Sante Monachesi, Giulia Napoleone, Edival Ramosa, Man Ray, Hilda Reich, Bruno Romeda, Giovanni Santi Sircana, Tino Stefanoni, Guido Strazza, Kumi Sugai, Vittore Frattini, Carlo Giuliano, Marcello Morandini e Giorgio Vicentini.

Curiosando nel Web

www.castiglioneolona.it
www.museoarteplastica.it
www.myspace.com/brandacastiglioni

Roma, prima retrospettiva italiana per Thierry Kuntzel

Sarà Roma a ospitare la prima retrospettiva italiana di Thierry Kuntzel (Bergerac, 1948-Parigi, 2007), grande artista francese contemporaneo e noto teorico di cinema e videoarte. Da lunedì 17 a martedì 25 marzo, le sale dell’Accademia di Francia aprono, infatti, le porte all’opera video e alle installazioni del maestro d’Oltralpe, scomparso lo scorso anno, permettendo di ricostruirne l’intero iter creativo, dalla fine degli anni Settanta alla morte.
Dopo studi di filosofia alla Sorbona di Parigi e lezioni di linguistica e semiologia all'Ecole des hautes etudes en sciences sociale, dove prepara una tesi (incompiuta) sotto la direzione di Roland Barthes dal titolo Lavoro del film / Lavoro del sogno, Thierry Kuntzel incomincia a lavorare, nel 1972, al servizio della ricerca dell’Ortf e, poi, dell’Ina, dove si specializza nelle relazioni tra arte e televisione. Negli stessi anni, insegna semiologia del cinema e analisi testuale del film all'Università Paris 1, all’Idhec, al Centre d'etudes américain du cinéma in Paris e in alcune università statunitensi, come la University of New York in Buffalo e il Center for twentieth century studies in Milwaukee.
Alla fine degli anni Settanta, tra il 1979 ed il 1980, Thierry Kuntzel decide di dedicarsi interamente alla creazione artistica. Dopo avere realizzato alcune installazioni, a partire dal 1974, con marmo e neon, produce gran parte delle sue bande video, dedicandosi, quindi, alla realizzazione di installazioni basate sulla proiezione di immagini, luce e suono e tese a studiare, precipuamente, il rapporto tra il dispositivo cinematografico e l'apparato psichico. Anche la scrittura prende un posto rilevante nella sua carriera artistica. Il libro Title TK, che racchiude gli appunti dei suoi lavori, è apparso nel 2007 per le edizioni Anarchie e a cura di Anne-Marie Duguet.
La rassegna romana, curata da Christophe Marchand-Kiss (artista residente all’Accademia di Francia in Roma), propone, nello specifico, la proiezione di due film -Echolalia (1980) e Nostos 1 (1979)- e la presentazione dell’installazione Venises (1995).
Si inizia alle 20.30 di lunedì 17 marzo, alla sala cinema Michel Piccoli, con una conferenza di Christophe Marchand-Kiss e Corinne Castel, che sarà preceduta dalla proiezione di Echolalia (monobanda video su monitor, a colori, sonoro, 32 min, 1980), video con musiche di Jean-Yves Bosseur, che parla di riflessi, doppio simmetrico e asimmetrico, incroci, impossibile gioco di immissione dell’uno dentro l’altro, attraverso la storia di Eco, ninfa che era stata condannata da Era a non parlare mai per prima e che era, dunque, costretta a ripetere sempre le ultime sillabe dell'altro.
Da martedì 18 a lunedì 24 marzo, dalle 11 alle 18.30, il Salon vert ospita, invece, l’installazione Venises (monobanda video in loop, a colori, muto, 8 min, 1995). Il video inquadra un punto fisso di un imbarcadero del Lido; «l’immagine scorre, come nello storico “travelling” di Promio sul Canal Grande. Ma il movimento - ha scritto Raymond Bellour su D'un autre cinéma- deriva qui soprattutto dagli oggetti – barche, di tutte le dimensioni – che passano e ripassano, ad intermittenza e all’interno di un piano fisso. Un tale movimento diviene il fremito della vita, intrappolata, trasfigurata. (…)».
La rassegna terminerà alle 20.30 di martedì 25 marzo con la proiezione, sempre nella sala cinema Michel Piccoli, di Nostos 1 (monobanda video su monitor, a colori, muto, 45 min, 1979). Il video intreccia, in un videogramma unico, tempi multipli: tempo della traccia, tempo dell'iscrizione e della cancellazione, tempo delle variazioni cromatiche e tempo della ripetizione. «Tutti questi meccanismi, presenza e assenza, dissimulazione e rivelazione, apparizione e sparizione, vita e morte - ha scritto Christophe Marchand-Kiss- disturbano fortemente la visione dello spettatore».

Didascalie delle immagini
(fig. 1) Thierry Kuntzel, Venises, monobanda video in loop, a colori, muto, 8 min, 1995 (Biennale de Venise; Galerie Yvon Lambert, Paris; Le Fresnoy - Studio national des arts contemporains, Tourcoing); (fig. 2) Thierry Kuntzel, Echolalia, monobanda video su monitor, a colori, sonoro, 32 min, 1980
(Galerie Nationale du Jeu de Paume, Paris; Musée d’art contemporain, Montréal; École nationale des Beaux-Arts, Bourges; Le Fresnoy - Studio national des arts contemporains, Tourcoing); (fig. 3) Thierry Kuntzel, Nostos I, monobanda video su monitor, a colori, muto, 45 min, 1979 (Galerie Nationale du Jeu de Paume, Paris; Musée d’art contemporain, Montréal; École nationale des Beaux-Arts, Bourges; Le Fresnoy - Studio national des arts contemporains, Tourcoing)
[Le immagini sono state fornite da Ludovica Scolari, ufficio stampa dell'Accademia di Francia in Roma]

Informazioni utili
L’opera video di Thierry Kuntzel. Proiezioni e installazione
. Académie de France à Rome - Villa17 a martedì 25 marzo 2008. Medici, viale Trinità dei Monti, 1 - Roma. Ingresso: libero nel limite dei posti disponibili. Informazioni: tel. 06.67611. Sito web: www.villamedici.it. Da lunedì 17 a martedì 25 marzo 2008.

Curiosando nel Web
Thierry Kuntzel su Newmedia Art

sabato 15 marzo 2008

Torino, le sonorità futuribili dei Larsen per «Afterville»

Architettura e fantascienza, video e suono: riflette sui rapporti tra discipline differenti il videoconcerto Da Metropolis ad Afterville, che il gruppo rock Larsen proporrà a Torino nelle serate di giovedì 27 e venerdì 28 marzo (ore 21.00), all'interno della Mole Antonelliana, oggi sede del Museo nazionale del cinema.
Sprofondati nelle chaise-longue dell'ottocentesca Aula del tempio, gli spettatori potranno, infatti, godersi la musica della band torinese, assistendo a una carrellata di clip tratta da oltre cinquanta classici del cinema di fantascienza: da Metropolis fino ad AfterVille: The Movie, passando per Fahrenheit 451, 2001: Odissea nello spazio, Guerre stellari, Blade Runner e Matrix. «Protagoniste di questo serrato montaggio –raccontano gli organizzatori- saranno, in particolare, le sequenze che presentano elementi di (fanta)progettualità. Un secolo di cinema di fantascienza verrà raccontato in poco meno di un'ora, attraverso lampi di architetture, scorci urbani, elementi di design».
Inserito nel programma di Afterville, ciclo di eventi facente parte degli Off Congress Official Events del XXIII congresso mondiale Uia Torino 2008, in programma dal 29 giugno al 3 luglio, il concerto è stato voluto da Michele Bortolami e Tommaso Delmastro di Studio Undesign, insieme con Fabrizio Accatino e Massimo Teghille.
«ll lavoro dei quattro curatori -si legge nella nota stampa- ha posto l'attenzione sulle città del futuro raccontate dal grande schermo: megalopoli progettate da zero e riadattamenti di luoghi esistenti, microcosmi di edifici e oggetti costruiti con precisione da registi, sceneggiatori, scenografi. La progressione cronologica delle clip –spiegano ancora gli organizzatori- racconterà la storia di un'architettura futuribile che corre parallela a quella reale e che porta in sé la testimonianza della tecnologia, delle aspirazioni e delle paure delle società che l'hanno generata».
Il montaggio di clip sarà accompagnato da una colonna sonora ipnotica e oscura, composta e realizzata per l'occasione dai Larsen, band torinese che si è conquistata gli onori della critica internazionale (tra cui l'autorevole testata inglese The Wire), in dieci anni di attività fondata sulla sperimentazione e testimoniata da una discografia ufficiale di sei album, due ep e un dvd, nonché dalla miriade di concerti tenuti in tutto il mondo, sia come headliner che con artisti come Neurosis, Einstürzende Neubauten, Dresden Dolls, Amber Asylum.
Il concerto è a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, ma è consigliabile la prenotazione.
Il programma di Undesign, inaugurato ad ottobre con la mostra Astronave Torino, proseguirà con la prima di Afterville - The Movie, un cortometraggio di trenta minuti, girato dalla coppia di registi Fabio Guaglione e Fabio Resinaro, specializzati in corti di fantascienza e autori di titoli premiati in tutto il mondo quali E:D:E:N e The Silver Rope. La pellicola -che racconta le vicende di due personaggi alla vigilia dell’ultimo giorno dell’umanità, sullo sfondo di una Torino stravolta in chiave visionaria- verrà proiettata in anteprima al cinema Massimo il prossimo mercoledì 16 aprile. Il 29 aprile si terrà, quindi, la prima di una serie di quattro tavole rotonde sul tema dei rapporti tra fantascienza e pensiero progettuale. Si incomincerà con il trattare il cinema, per proseguire con i fumetti, i videoclip e la pubblicità, nelle giornate del 13 e 27 maggio e del 10 giugno. Sempre nel mese di giugno verrà inaugurata The Underground Exhibition, una mostra che porterà numerose installazioni fantascientifiche nelle dieci principali stazioni della linea 1 della metropolitana torinese. Mentre ad ottobre sarà la volta di Divine Design o delle città dell’aldilà, un’esposizione che ricorderà, tra l’altro, due progettisti legati a Torino e purtroppo scomparsi come Toni Cordero ed Ettore Sottsass.

Didascalie delle figure
(Fig. 1) i Larsen, band espressione della scena sperimentale internazionale, saranno protagonisti di un concerto inedito, Da Metropolis ad Afterville, alla Mole Antonelliana di Torino (progetto fotografico: Carlotta Petracci); (fig. 2) Fotogramma tratto dal film Metropolis (regia Fritz Lang, Germania, 1927)
[Le immagini sono state fornite dallo studio De Angelis di Milano, ufficio stampa di Afterville. The show]

Informazioni utili
Afterville. The Show
. Museo nazionale del cinema, via montebello 20 - Torino. Date: giovedì 27 e venerdì 28 marzo, ore 21.00. Ingresso libero, fino ad esaurimento posti. Prenotazioni: fondazione.oato@awn.it. Sito web:
www.afterville.com.

venerdì 14 marzo 2008

Un nuovo anno di attività per il Museo Baroffio e del Sacro Monte sopra Varese

«Trovarsi a Varese e non salire alla Madonna del Monte è come recarsi a Roma e non vedere San Pietro», scriveva nel 1897 un anonimo redattore de Le cento città d'Italia, supplemento mensile illustrato del Secolo di Milano.
La montagna varesina rappresenta, infatti, uno dei luoghi religiosi più suggestivi esistenti in Italia con le sue casupole e viuzze di gusto medioevale, con la sua chiesa di santa Maria del Monte e con la sua Via Sacra delle quattordici cappelle dedicate ai Misteri del Rosario, la cui edificazione, iniziata nei primi del Seicento per volontà del frate cappuccino G.Battista Aguggiari, ha visto al lavoro, tra gli altri, Carlo Francesco Nuvolone, il Morazzone, Giovan Paolo Ghianda e, in anni recenti, Renato Guttuso.
Ad accrescere la bellezza di questo lungo è stato aperto nel settembre del 2001, dopo una chiusura quasi decennale, un altro gioiello storico-artistico: il museo Baroffio e del Santuario, la cui nascita era stata tenuta a battesimo, nel settembre del 1936, dal beato cardinale Alfredo Ildefonso Schuster.
Durante gli anni di chiusura, lo spazio museale - l'unico del Sacro Monte in attesa della riapertura del museo Ludovico Pogliaghi, cui sta lavorando la Biblioteca Ambrosiana di Milano - è stato oggetto di un lungo restauro e ampliamento della struttura architettonica, oltre che di un riesame di attribuzione e di datazione delle opere conservate e di un aggiornamento dei criteri museologici.
Il compito di dirigere l'intervento conservativo dell'edificio, progettato tra il 1932 e il 1935 da Ludovico Pogliaghi e Ulderico Tononi, è spettato all'architetto Ernesto Brivio, che ha anche curato il percorso espositivo. Il suo progetto ha portato alla costruzione di otto sale suddivise su tre livelli, che ospitano una ricca selezione di opere di pittura e scultura, in passato afferenti al museo del Santuario, aperto su proposta di don Luigi Bellasio, e al lascito del barone Giuseppe Baroffio Dall'Aglio.
Ad accogliere il visitatore negli spazi museali -che riaprono ai visitatori sabato 15 marzo, dopo la pausa invernale- è un rilievo lapideo romanico di Domenico e Lanfranco da Ligurno, databile alla fine del XII secolo e raffigurante la Vergine con il Bambino, una scultura di suggestiva bellezza, già elemento centrale della lunetta del portale d'accesso alla Basilica di Santa Maria.
Dal Santuario provengono anche l'acquasantiera con La Pietà del 1444 e il rilievo romanico Leone di San Marco, esposti nelle sale d'ingresso insieme con uno splendido antifonario ambrosiano con miniature di Cristoforo de' Predis, così come il pulpito ligneo del XVII secolo raffigurante la scena dell'Annunciazione, che accoglie il visitatore al piano inferiore. Accanto a questi reperti si trovano esposti una settantina di opere pittoriche del Borgognone, del Magatti, del Ceruti e di altri autori anonimi di scuola fiamminga e napoletana, tra cui si segnalano Una Madonna con il Bambino di Bartolomeo Schedoni e una Visitazione di Camillo Procaccini.
Il collezionismo romantico del Baroffio, orientato più da scelte emozionali che da un rigore metodologico, ha imposto per i dipinti –nucleo centrale del museo- un ordinamento cronologico, pur con inevitabili approssimazioni dovute alla mancanza di dati certi di alcune tele. Molti i soggetti esposti nelle sale della realtà museale varesina, dove si trovano oltre a opere di carattere religioso, ritratti, nature morte, paesaggi, scene di battaglia e di genere e allegorie, come la tela Il vetraio (XVII secolo) di scuola fiamminga, la splendida Natura morta con funghi e frutto di Giacomo Ceruti e un Paesaggio invernale del XVI secolo.
Lo stesso criterio espositivo delle sale dei dipinti è stato seguito al piano superiore, noto come stanza dei vicari, dove trovato posto preziosi paliotti, codici, paramenti, medaglie e placchette, oltre a una galleria storico-didattica con la presentazione della storia del Sacro Monte.
Chiude il percorso espositivo una stanza mariana, voluta da monsignor Pasquale Macchi, che presenta un'inedita e ricca raccolta di opere raffiguranti la Madonna. Dipinti, ceramiche, smalti, litografie, disegni e sculture di grandi artisti contemporanei, collocati nella V sala del museo, raccontano la storia della Vergine: dall'annunciazione alla maternità, dalla sua missione corredentrice alla sua partecipazione alla passione del Figlio.
Tra i tanti lavori spiccano la Madonna con Bambino di Henri Matisse, la Crocifissione di Mario Sironi, L'Assunta di Luciano Minguzzi e La fuga in Egitto di Renato Guttuso, bozzetto per il dipinto murale che adorna la terza cappella del Sacro Monte.
Questo e molto altro sarà, dunque, possibile vedere o rivedere da domani, sabato 15 marzo, a domenica 9 novembre al museo Baroffio, che riprende le sue attività con un percorso a tema dal titolo La Pasqua e i suoi protagonisti, in programma alle 15.30 del giorno di riapertura e di giovedì 20 marzo.
Come rappresentare il dolore della Madonna davanti alla morte del Figlio, ai piedi della croce? E come descrivere il miracolo della Resurrezione, episodio che non ebbe testimoni? Queste due delle domande che troveranno risposta negli appuntamenti, a cura della conservatrice Laura Marazzi. Attraverso miniature medievali, dipinti fiamminghi, sculture e tele moderne di Mario Sironi e Floriano Bodini, ma non solo sarà possibile vedere come gli artisti hanno raffigurato la morte di Gesù Cristo e il dolore di chi gli fu vicino nel «tempo della prova più grande», dalla Madonna a Giovanni e alla Maddalena.
Una fugace apparizione, nelle tele a tema pasquale, è riservata anche ad altri personaggi, come Simone di Cirene, Giuseppe d’Arimatea, Nicodemo, citati nella narrazione evangelica, o a figure nate dalla tradizione popolare, come la Veronica. Di questo si parlerà anche attraverso le opere conservate nel Santuario e lungo la Via Sacra, suggerendo un percorso tra le bellezze del Sacro Monte varesino, percorso che, in un secondo momento, potrà snodarsi autonomamente.
Gli appuntamenti offriranno anche l’occasione per scoprire la nuova guida al museo per bambini, scritta da Laura Marazzi e Giovanna Palumbo e con disegni di Chiara Sacchi, pubblicata lo scorso gennaio dalla Fondazione Paolo VI per il Sacro Monte.

Didascalie delle immagini
(fig. 1) Veduta esterna del museo Baroffio e del Santuario del Sacro Monte Sopra Varese; (fig. 2) Tardo seguace di Robert Campin, Deposizione di Cristo dalla croce, fine secolo XV. Olio su tavola, cm 112x114 (93x89); (fig. 3) Domenico e Lanfranco da Ligurno (attr.), Madonna col Bambino, ultimo decennio secolo XII. Reperto lapideo del Santuario, cm 78x45; (fig. 4) Scuola del Todeschini, Barbiere (Il taglio di capelli), secolo XVIII. Olio su tela, cm 165x135 (146x116); (fig. 5) Ambito di Jan Brueghel II, Allegoria dell'aria e del fuoco. Olio su tela riportata su tavola,cm 66,5x10,5 (50x85,5)

Informazioni utili
Museo Baroffio e del Santuario del Sacro Monte Sopra Varese. Orari: giovedì, sabato e domenica e festivi 9.30-12.30 e 15.00-18.30 (il museo è aperto nei mesi estivi e durante le festività natalizie e pasquali). Ingresso: € 3.00 intero; € 1.00 ridotto (gruppi superiori a 10 persone, visitatori sino a 18 e oltre 65 anni, studenti, soci TCI e possessori di Welcome Card). Visite guidate: Metamusa, tel./fax. 0331.777472 (lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00). Informazioni: Museo Baroffio e del Santuario - dott.ssa Laura Marazzi, tel./fax 0332.212042, e-mail: info@museobaroffio.it. Sito web: www.museobaroffio.it.

mercoledì 12 marzo 2008

«Dab», a caccia d’oggetti d'artista per artshop e bookshop

Chi varca le soglie di un museo, oggi, non lo fa solo per vedere una mostra, ma anche per bere un caffé, acquistare un oggetto di design, sfogliare un libro d'arte o, magari, comperare gadget con impressa la riproduzione del proprio quadro preferito. Numerosi sono così gli enti espositivi italiani che si stanno attrezzando, sulla scia dei musei del nord e centro Europa, di appositi spazi dedicati al merchandising. Un settore, questo, che diventa ora protagonista di un concorso, Dab-Design per artshop e bookshop, promosso dal Gai (associazione per il circuito giovani artisti), dall'Ufficio giovani d'arte del Comune di Modena, dalla locale Galleria civica, e, a partire da questa edizione, anche dal Progas–ministero per le Politiche giovanili e le Attività sportive e dalla Direzione generale per l’architettura e le arti contemporanee del ministero dei Beni e delle Attività culturali.
Il concorso, promosso nell'ambito del progetto triennale De.Mo., «ha lo scopo –si legge nella nota stampa- di promuovere la progettazione e la produzione di oggetti d'artista e di design, ad opera di giovani artisti italiani, finalizzati alla commercializzazione negli artshop e bookshop dei musei del nostro Paese». Un’occasione, questa, per far conoscere al grande pubblico tanti talenti in erba, di età compresa tra i 18 e i 35 anni, che operano nel campo del design e dell'artigianato artistico, diplomati presso istituti e accademie d'arte, ma anche per dare un aiuto concreto ai numerosi musei italiani che si stanno attrezzando di nuovi spazi dedicati al merchandising, in conformità con la legge Ronchey del 1993, e che avranno sempre più la necessità di qualificare e caratterizzare la loro offerta commerciale in modo vario e originale.
Dab-Design per artshop e bookshop si propone, inoltre, di coinvolgere aziende attive nel settore del merchandising museale, per la successiva produzione e commercializzazione dei prototipi presentati al concorso, nell’ambito della Linea di prodotti DabxGAI.
Le aziende partner di questa edizione saranno ancora una volta la GiGi Medici di Sassuolo e la Misstake di Treviso, che hanno già realizzato alcune delle opere partecipanti alla prima edizione della competizione modenese e oggi in vendita in molti musei italiani, tra cui la Galleria civica di Modena, il Mart di Rovereto, la Galleria d’arte moderna di Roma, il Museo d’arte contemporanea Donna Regina di Napoli e in diversi altri spazi commerciali gestiti da Electa Mondadori.
Al concorso, la cui scadenza è fissata per venerdì 13 giugno 2008, possono partecipare artisti, designer, artigiani-artisti, studenti, aventi un'età compresa tra i 18 e i 35 anni, nazionalità italiana o residenza in Italia da almeno un anno alla data di presentazione della domanda.
I candidati dovranno presentare sia i progetti che le fotografie dei prototipi per il concorso. Prototipi che dovranno essere di libera creazione, contemporanei e originali, e che potranno essere realizzati con i più diversi materiali e tecniche. Tante le aree di produzione in cui i giovani potranno cimentarsi: oggettistica e complementi di arredo, cartoleria e cartapesta, grafica, illustrazione, fumetto, fotografia, scultura, calcografia, gioielleria, lavorazione dei metalli e del vetro, arte tessile, ceramica.
Chi intendesse partecipare a Dab può presentare, presso il Comune di Modena, all’ufficio Giovani d’arte, i seguenti materiali: la scheda d'iscrizione, scaricabile da Internet, compilata in ogni sua parte; il progetto e la foto del prototipo realizzato, sia su supporto cartaceo che su cd; una scheda tecnica con breve presentazione del proprio lavoro, un curriculum vitae e fotografie di precedenti realizzazioni.
Un'apposita commissione, costituita da autorevoli esperti e operatori del settore, selezionerà, tra i candidati, gli autori dei prototipi ritenuti più originali e qualitativamente validi. Le opere parteciperanno a un'esposizione che si terrà a Modena, presso Palazzo Santa Margherita, e saranno pubblicate sul catalogo di mostra.
Accanto a Dab-Design per artshop e bookshop, l'ufficio Giovani d'arte di Modena sta seguendo, in questi giorni, altri due concorsi dedicati a persone dai 18 ai 35 anni, che vivono, lavorano o studiano in Emilia Romagna. Si tratta di A cura di... e Arteinattesa. il primo concorso, in scadenza il 16 maggio 2008, richiede ai candidati la presentazione di un progetto di curatela per una mostra d'arte visiva da realizzarsi nella città di residenza; l'altro, il cui termine per la consegna è fissato al 23 maggio, si rivolge a giovani artisti e sollecita la presentazione di progetti di opere d'arte, che andranno a ornare le sale d’aspetto dei reparti e degli ambulatori, ma anche le pareti degli ingressi e alcuni muri perimetrali dei padiglioni dell'Università Policlinico di Modena. Entrambi i bandi sono scaricabili dal sito: www.comune.modena.it/gioarte.

Didascalie delle immagini
(fig. 1) Lavinia Bolognesi, Bulbo. Vaso per fiori, 2005; (fig. 2) Evelyn Daviddi, Una mucca al mare! e La superscarpa. Shopping bag, 2005; (fig. 3) Valentina Cabri, Corolle. Vassoi in plexiglass, 2005; (fig. 4) Rachel Morellet, Collane e orecchini. 2005, oro e argento
[Tutte le opere sono state presentate alla prima edizione del concorso Dab]

Informazioni utili
Concorso Dab
. Ente banditore: circuito Gai e Ufficio giovani d'arte del Comune di Modena. Quota di partecipazione: nessuna. Data di consegna: 13 giugno 2008. Informazioni e bando di concorso: Giovani d'arte - Comune di Modena, settore Cultura, via Galaverna 8 – 41100 Modena, tel. 059.206604, fax. 059.206877, e-mail: ocorradi@comune.modena.it. Sito web: www.comune.modena.it/gioarte.

lunedì 10 marzo 2008

Dalla Siberia a Ferrara: volo speciale per la «Moltiplicazione dei pani e dei pesci» del Garofalo

Giungerà a Ferrara, grazie alla collaborazione del Ministero per le Emergenze russo, la grande tela Moltiplicazione dei pani e dei pesci di Benvenuto Tisi detto il Garofalo (Ferrara, 1481-1559), opera che andrà a comporre, con un'altra sessantina di lavori, il percorso espositivo della prima mostra organizzata da Ermitage Italia presso le eleganti sale del Castello estense, sede di una delle più importanti corti del Rinascimento italiano. Una notizia, questa, di pochi giorni fa che conferma il grande scrupolo scientifico e organizzativo dello State Hermitage Museum di San Pietroburgo, anche nelle sue sedi straniere, da Amsterdam a Londra.
E’ stato, infatti, lo stesso museo sulla Neva, uno dei più prestigiosi al mondo con i suoi ventiduemila pezzi catalogati, a chiedere al Ministero per le emergenze russo di consentire l’utilizzo di un velivolo speciale della propria flotta per il trasporto dalla Siberia a San Pietroburgo dell’opera, realizzata nel 1531 circa, per il perduto convento di San Bernardino, e oggi conservata presso il Museo delle belle arti del lontano Oriente, a Khabarovsk.
La tela, di quasi 3 metri di altezza e 2,5 di larghezza (troppo grande per essere trasportata con un aereo di linea), percorrerà, dunque, ben 15.000 chilometri, 9.000 in aereo e i restanti 6.000 in camion, per giungere nel nostro Paese in occasione della mostra Garofalo. Pittore della Ferrara estense (catalogo Skira editore), curata da Tatiana Kustodieva e Mauro Lucco, con la collaborazione di Michele Danieli e con il contributo di un pregevole comitato scientifico composto da Irina Artemieva, Francesca Cappelletti e Michail Piotrovsky.
L’appuntamento espositivo, in calendario da sabato 5 aprile a domenica 6 luglio, consentirà di rivedere questa bellissima tela, lontana da Ferrara dal 1792, insieme ad altre tre opere del complesso iconografico di San Bernardino, che fecero parte della collezione di papa Pio VI, a Palazzo Braschi a Roma, e che nel 1840 giunsero in Russia per volontà dello zar Nicola I: Le nozze di Cana di Galilea, L’allegoria del Vecchio e del Nuovo Testamento e L’andata al Calvario.
A differenza di queste ultime tele, conservate fin dal 1920 presso lo State Hermitage Museum e sottoposte nel 2007 a un accurato restauro proprio in vista dell’esposizione ferrarese, la Moltiplicazione dei pani e dei pesci fu trasferita al Museo per le belle arti del lontano Oriente nel 1931, dove è sempre rimasta, custodendo anche la presunta effige del pittore che, secondo la critica, si sarebbe ritratto insieme alla Madre Badessa nel gruppo di figure in basso a destra.
Oltre a queste quattro opere, la mostra al Castello estense, già ribattezzata la «prima grande monografica dedicata al Garofalo», allineerà importanti prestiti provenienti da prestigiosi musei internazionali come la National Gallery di Londra, lo Staatliche Kunstsammlungen di Dresda, il Rijksmuseum di Amsterdam, il Museèe du Louvre di Parigi, il Kunstinstorisches Museum di Vienna, i musei capitolini di Roma, gli Uffizi di Firenze e il museo di Capodimonte a Napoli.
Nello specifico, saranno una sessantina le opere di Benvenuto Tisi, detto anche il «Raffaello ferrarese», che giungeranno nella città estense, venti delle quali mai esposte prima d’ora in Italia. Un complesso di lavori, quello in mostra, che consentirà di riscoprire questo artista, in passato sottovalutato dalla critica, ma in realtà già assai apprezzato come «moderno» da Giorgio Vasari, per la sua pittura e per il suo stile di vita, ma che darà anche la possibilità di analizzare i suoi influssi sulla scuola locale nella prima metà del Cinquecento. Il percorso espositivo presenterà, pertanto, una decina di dipinti di assoluta qualità di artisti del Rinascimento ferrarese come Domenico Panetti, Boccaccio Boccaccino, Dosso Dossi e Francesco Francia.
E', inoltre, previsto un itinerario cittadino che permetterà di ammirare i capolavori del Garofalo conservati nella Pinacoteca nazionale di Ferrara e i bellissimi affreschi di tema cortese di Palazzo Costabili (ora sede del Museo nazionale archeologico) e del Seminario Vecchio, dei quali si è concluso da pochi mesi un completo restauro finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio.

Didascalie delle immagini
(fig. 1) Castello estense, Ferrara; (fig. 2) Benvenuto Tisi detto il Garofano, Moltiplicazione dei pani e dei pesci. Khabarovsk, Museo delle belle arti del lontano Oriente; (fig. 3) Benvenuto Tisi detto il Garofano, Santa Lucia, post 1529. Olio su tavola, cm 63x44. Roma, Pinacoteca capitolina; (fig. 4) Benvenuto Tisi detto il Garofalo, Allegoria del Vecchio e Nuovo Testamento, 1531-1535. Olio su tela, cm 318x257. San Pietroburgo, Museo Statale Ermitage

[Le immagini sono state fornite da Villaggio Globale International, ufficio stampa della mostra Garofalo. Pittore della Ferrara estense]

Informazioni utili
Garofalo. Pittore della Ferrara estense
. Castello Estense - Ferrara. Orari: 9.30-19.30. Ingresso: interi € 10,00, ridotti € 8,00 (ultra 65enni, visitatori fino a 18 anni, convenzionati, disabili, altre riduzioni di legge e visitatori con biglietto della mostra Mirò. La terra), gruppi € 8,00 (da 15 a 30 visitatori con 1 gratuità oltre i 15 componenti paganti), scuole € 6,00 (2 gratuità a scolaresca); gratuito per bambini fino a 6 anni e giornalisti con tessera. Catalogo: Skira editore, Milano. Informazioni: call center 199.411.120. Sito web: www.mostragarofalo.it. Dal 5 aprile al 6 luglio 2008.

venerdì 7 marzo 2008

«FormA-Azione», in Friuli un convegno sui musei e la loro funzione educativa

«Promuovere riflessioni strettamente correlate alla nuova cultura del museo calato nella dimensione contemporanea e inteso come strumento di formazione e di sviluppo al servizio della scuola, dell'impresa, del territorio e di tutta la collettività»: questo lo scopo del convegno FormA-Azione. Museo-scuola-territorio-impresa, che si svolgerà nelle giornate da venerdì 14 a domenica 16 marzo in due tra le più note sedi espositive d’arte contemporanea del Friuli Venezia Giulia: la villa Manin di Passariano e il Centro d’arti visive Visionario di Udine. La tre giorni di studi, promossa dall’amministrazione regionale, è stata curata da Modidi, associazione locale nata con l’obiettivo di creare un Museo dei bambini e un Centro ReMida di riciclaggio creativo, e gode del sostegno organizzativo dei dipartimenti educativi del Castello di Rivoli e della stessa villa Manin.
Sulla nuova cultura del museo, a partire dalla formazione, si confronteranno numerosi esperti italiani e internazionali, tra cui Michelangelo Pistoletto (artista ed ideatore di Cittadellarte di Biella e Unideee), Jean Tormey (curatrice dei programmi per il pubblico del museo Tate di Liverpool), Fanny Serain (assistente alle relazioni con il pubblico e al servizio programmazione per i giovani del Centro nazionale d’arte e cultura Georges Pompidou di Parigi), Elisabeth Menasse (direttore dello Zoom Kindermuseum di Vienna), Synthia Griffin (Tate Modern education di Londra) e Francesco Bonami (direttore artistico di Villa Manin-Centro d’arte contemporanea di Passariano).
«L’intento della riflessione e del dibattito -spiega Anna Pironti, responsabile capo del Dipartimento educazione del Castello di Rivoli- «è proporre un modello di sviluppo non più incentrato sullo sfruttamento delle risorse, ma sulla qualità della vita, la cultura, la creatività e l’innovazione. Lo sviluppo di un territorio –precisa la studiosa– è strettamente correlato alla crescita del potenziale umano, che andrebbe sostenuto con interventi mirati a creare una speciale sintonia con la dimensione culturale del proprio tempo».
Non di molto diverso il parere di Concetta Giannangeli, presidente di Modidi e responsabile del Dipartimento educazione di villa Manin, che afferma: «considerato nel suo riflesso didattico-operativo, il museo diventa strumento d’innovazione e sviluppo per la scuola, la formazione universitaria, l’impresa, la collettività nella sua accezione più ampia». Un ruolo, questo, che viene posto in evidenza anche in un importante documento siglato dall’Unesco nel 1997: «I musei –vi si legge– offrono un ambiente dove è possibile apprendere anche in modo informale e flessibile, sollecitare interessi e curiosità esponendo i visitatori a una pluralità di stimoli –visivi, sensoriali, emotivi– e soprattutto facilitando il contatto con la propria memoria collettiva o con altre culture».
Il convegno si aprirà venerdì 14 marzo, alle 9.30, presso villa Manin con l’introduzione ai lavori di Concetta Giannangeli e gli interventi di Vittorino Boem (sindaco di Codroipo), Roberto Antonaz (assessore regionale alla Cultura del Friuli Venezia Giulia) e Francesco Bonami. Seguirà la prima sessione di studi sul tema La scuola dei musei. Funzione educativa e curricula formativi. Il ruolo di accademie e università, che vedrà nel ruolo di relatori numerosi docenti e ricercatori universitari, tra cui Franco Fabbro, Alessandro Del Puppo, Davide Zoletto, Carmen Lidon Beltran, Cristina Francucci, Carlo Montanaro e Franca Varallo.
Il giorno successivo, sabato 15 marzo, ci si sposterà al Visionario di Udine, dove, a partire dalle 9.30, si terrà una sessione di studi dal titolo Arte, creatività, impresa, introdotta da Enrico Bertossi (assessore regionale alle Attività produttive) e Carlo Faleschini (presidente di Confartigianato Udine), nella quale parleranno, tra gli altri, Catterina Seia (responsabile del progetto UniCredit & l’arte di UniCredit group), Michelangelo Pistoletto, Elena Ciresola (curatore della formazione a C4 di Caldogno), Patrizia Moroso (art director di Moroso) e Cristiano Seganfreddo (direttore di Fuoribiennale).
La sessione pomeridiana, in programma sempre al Visionario di Udine, sarà incentrata sul tema Pubblico e musei ed accoglierà interventi, tra gli altri, di Jean Tormey, Paola Pacetti (direttore dell’associazione Museo dei ragazzi di Firenze), e Sandra Piccinini (presidente dell’istituzione scuole e nidi d’infanzia del Comune di Reggio Emilia).
Il convegno si chiuderà domenica 16 a villa Manin di Passariano, con un incontro dal titolo Forme e azioni per i musei dei bambini, cui parteciperanno Anna Casalino, Elisabeth Menasse e Synthia Griffin, e al termine del quale è in programma, intorno alle 15, una grande e spettacolare azione artistica a cielo aperto dedicata ad adulti, bambini e famiglie.
Nel corso della «tre giorni» verranno presentati gli esiti più significativi di esperienze museali italiane e straniere; si parlerà di progetti condivisi con università e accademie di belle arti e si ufficializzerà il documento redatto e sottoscritto da Educ@rte, associazione culturale che ha tra gli obiettivi la promozione e diffusione della nuova cultura del museo: un vero e proprio manifesto, il loro, in cui si attesta che la funzione educativa ha un ruolo specifico e non di servizio per la vita del museo.

Didascalie delle immagini
(fig. 1 e fig. 2) Laboratori didattici al C4 (Centro Cultura Contemporaneo Caldogno) di Caldogno, Vicenza; (fig. 3 e fig. 4) Attività didattiche promosse dall’associazione culturale Modidi di Passariano (Udine)

Informazioni utili
FormA-Azione. Museo-scuola-territorio-impresa. Date e orari: dal 14 al 16 marzo, dalle 9.00. Luoghi: villa Manin di Passariano, piazza Manin 10 – Passariano (Udine); Centro d’arti visive Visionario, via Asquini, 33 – Udine. Informazioni: assocazione Modidi-Centro ReMida, via Cartiera – Passariano (Udine), tel. 0432.900656, fax 0432.913893, cell. 347.0150955.Sito web: www.modidi.it.

giovedì 6 marzo 2008

«La barca dei comici», omaggio a Goldoni e Strehler

È con una recente produzione del Piccolo teatro di Milano e del Teatro gioco vita - teatro Stabile di innovazione di Piacenza che la stagione teatrale di Lugano rende omaggio a Carlo Goldoni, commediografo veneziano cui si devono opere straordinarie come La locandiera e Il servitore di due padroni e del quale si è commemorato nel 2007 il trecentesimo anniversario dalla nascita.
Lunedì 10 marzo al teatro Cittadella va, infatti, in scena La barca dei comici, splendida fantasia teatrale per attori e ombre, alla quale il regista Stefano de Luca, con la collaborazione di Stella Casiraghi, ha dato corpo lavorando su un episodio dei Mémoires, l’autobiografia goldoniana pubblicata a Parigi nel 1787.
A portare il pubblico tra i meandri della vita dello scrittore veneto, alla scoperta di quello che è unanimemente considerato il suo primo approccio con la magia del teatro e gli artifici del palcoscenico, saranno Alice Bachi, Tommaso Banfi, Giorgio Minneci e Stefano Moretti. Le scene portano la firma di Fabrizio Montecchi, autore anche delle le ombre con Nicoletta Garioni; mentre le musiche sono state realizzate da Fiorenzo Carpi e Marco Mojana.
Alla base dello spettacolo, pensato soprattutto per un pubblico giovane, c’è un copione di Giorgio Strehler, maestro della scena che con il commediografo veneziano condivise la passione quasi ossessiva per il teatro, nonché l’esigenza di rinnovarlo e riformarlo, e che dai Mémoires trasse una sceneggiatura per la Tv e, quindi, un testo teatrale, che non fu però mai trasformato in spettacolo.
«Da un miracolo di fantasia o di memoria» –ebbe a scrivere il regista triestino- «rinasce di colpo una storia della giovinezza di Carlo Goldoni, quando una mattina d’aprile partì in un favoloso viaggio per mare assieme a una compagnia di comici. La prima esperienza profonda, come un trauma dolcissimo» –continua Strehler. «Lì egli conosce, per la prima volta, tutto: l’amore, le donne, lo stupore, la curiosità per l’umano mondo dei comici, ed attraverso di essi, la curiosità per il mondo dell’uomo. Il Mondo e il Teatro si confondono ed è l’inizio di una inconsapevole vocazione...».
Da questo spunto nasce La barca dei comici, spettacolo incentrato sulla fuga dal collegio di Rimini di un giovane Goldoni, che, appena tredicenne, si imbarca con una compagnia di giro, per raggiungere la madre a Chioggia. Ha inizio così un’avventurosa navigazione per mare, insieme a compagni bizzarri e affascinanti. Una navigazione durata tre soli giorni, nella pancia di una barca che è un palcoscenico galleggiante, ma che diventa metafora dell’avventura di una vita intera, spesa nel teatro e per il teatro.
La storia si svolge in un’atmosfera creata dalla vivace alternanza tra fantasia e realtà, tra attori, marionette, ombre e maschere. Un mondo di giochi, suoni, luci e ombre porta, infatti, lo spettatore alla scoperta delle semplici e meravigliose possibilità del gioco teatrale, tra affascinante narrazione, testo scritto e arguta improvvisazione. Per usare le parole del regista Stefano de Luca, allievo di Strehler: «La barca dei comici è lo spazio magico del teatro […] il luogo dove tutto è possibile […]E’ l’incontro con la dimensione ludica dell’esistenza attraverso la comunicazione teatrale. O il suo ritrovamento. E’ la scoperta della complessità del mondo. E le Memorie di Carlo Goldoni? Il copione di una vita».
Dopo Lugano, La barca dei comici toccherà le città di Alessandria (13-14 marzo 2008), Treviso (18 marzo 2008) e Latina (22-24 aprile 2008). Al Piccolo di Milano sarà in cartellone dal 27 marzo al 2o aprile, al teatro Studio.

Didascalie delle immagini
(fig. 1, 2, 3 e 4) Una scena dello spettacolo La barca dei comici. Regia di Stefano de Luca. Foto di Margherita Busacca
[Le immagini sono state fornite da Sabine Bardelle, ufficio informazione e comunicazione della Città di Lugano]

Informazioni utili
La barca dei comici. Teatro Cittadella, corso Elvezia, 35 – Lugano. Orari: lunedì 10 marzo 2008, ore 20.30. Ingresso: ChF 40.00-16.00. Informazioni e prenotazioni: tel. +41(0)58.8667280 o www.ticketcorner.com. Sito web: www.luganoinscena.ch.

Curiosando nel Web
il blog di Stefano de Luca
Il sito di Stefano de Luca
il sito del Piccolo Teatro di Milano
Il sito del Teatro gioco vita di Piacenza

martedì 4 marzo 2008

«Arti decorative e musei»: a Torino un convegno con esperti del settore

Arti preziose, suntuarie, decorative, arti applicate o arti minori: un infinito mondo di oggetti, espressione del gusto e dello stile di un’epoca, ma anche di tecniche e materiali, di mercati e commerci di ieri e di oggi è al centro dell'incontro Le arti decorative e i musei. L’Italia e l’Europa, promosso da Palazzo Madama e dalla Fondazione Torino musei, con il contributo della Fondazione Crt, per la giornata di venerdì 7 marzo (a partire dalle 9).
A un anno dalla sua riapertura – dopo gli straordinari restauri dello storico edificio e il nuovo allestimento – il Museo civico d’arte antica di Torino, che vanta un’importantissima collezione di arti decorative, si fa portavoce con il suo direttore, Enrica Pagella, di un’esigenza di rinnovata attenzione in questo campo e della necessità di creare – tanto più nell’Anno mondiale del design, che vede Torino designata World Design Capital – una “rete” tra istituzioni, mondo universitario e studiosi, in questo particolare e affascinante settore.
L’appuntamento, in programma nel Salone d'onore della Fondazione Crt, vede un ricco parterre di ospiti, tra cui molti direttori e conservatori dei principali musei europei, come Helena Koenigsmarkova (direttore del Museo di arti decorative di Praga), Beatrice Salmon (direttore del Muséedes arts decoratifs di Parigi), Bartolomè Arraiza (direttore del Museo nacional de artes decorativas di Madrid), Marta Ajmar-Wollheim (del Victoria and Albert Museum di Londra), Elisabeth Taburet-Delahaye (direttrice del Musée de Cluny di Parigi), Carmen Pérez de Andrés (vicedirettore del Museo del Traje da Madrid), Corinna Roesner (del Die Neue Sammlung-Staatliches Museum fur angewandte Kunst di Monaco), Jutta Kappel (vicedirettore della Grünes Gewölbe di Dresda) e Zsuzsanna Renne (direttore del Museo di Arti Applicate di Budapest). Non mancano nemmeno illustri personalità delle realtà museali e universitarie italiane quali Claudio Salsi (Civiche raccolte di arte applicata del Castello Sforzesco di Milano), Jadranka Bentini (direttore del Museo nazionale della ceramica di Faenza), Silvana Annicchiarico (sirettore del Museo del design della Triennale di Milano), Maria Selene Sconci (Palazzo Venezia di Roma), Valerio Terraroli (Università degli studi di Torino), Maria Concetta Di Natale (Università degli studi di Palermo) e Gaia Salvatori (Seconda Università degli studi di Napoli).
L'appuntamento, che registra già il tutto esaurito, si appresta, dunque, a diventare occasione per fare il punto sul ruolo dei musei d’arte decorativa nel panorama internazionale e affrontare le problematiche connesse alla loro fruizione e valorizzazione, gettando le basi per un vero e proprio Manifesto programmatico in materia, condiviso dalle principali realtà operanti nel settore.
Se in Italia le collezioni di arti decorative non godono ancora di un pieno riconoscimento, risentendo della distinzione tra arti minori e maggiori, e se qui il divario tra musei di arti decorative di formazione ottocentesca e design moderno permane ancora evidente, in Europa la situazione risulta diversificata e, quindi, necessita – per guardare al futuro – di un confronto aperto.

Didascalie delle immagini
(fig. 1) Palazzo Madama, Torino: facciata juvarriana; (fig. 2) Palazzo Madama, Torino: particolare dello scalone juvarriano; (fig. 3) Orafo limosino, Riccio di pastorale, 1210-1215.
[Le immagini pubblicate sono state fornite dall'ufficio stampa della Fondazione Torino Musei]

Informazioni utili

Le arti decorative e i musei. L’Italia e l’Europa. Fondazione Crt, via XX settembre, 31 - Torino. Data: venerdì 7 marzo, dalle ore 9.00 (conferenza stampa alle ore 11.00). Ingresso libero, su prenotazione. Informazioni e prenotazioni obbligatorie: Villaggio Globale International, tel. 041.5904893, fax 041.5904892, settorebeniculturali@villaggioglobale.191.it. Sito web: www.palazzomadamatorino.it.

Per saperne di più

domenica 2 marzo 2008

«FilosofArti»: nell’Alto Milanese filosofia, teatro e arti visive in dialogo

Dalla musica alla scrittura, dal teatro al cinema, dalle arti visive alla danza, senza dimenticare l'eno-gastronomia: è un confronto tra il sapere, il vedere e le diverse forme di rappresentazione del reale quello che propone la terza edizione di FilosofArti, festival della filosofia e delle sue intersezioni con le varie discipline artistiche, organizzato dal Centro culturale di prosa del teatro delle Arti e dalla Fondazione culturale 1860 Gallarate città onlus, con il patrocinio di importanti realtà, tra cui la sezione lombarda dell’Agenzia nazionale per lo sviluppo dell’autonomia scolastica e l’Ufficio scolastico provinciale di Varese.
Da oggi, domenica 2, a lunedì 10 marzo, la città lombarda vedrà, dunque, "sfilare" alcuni tra i più grandi teoreti contemporanei, da Gianni Vattimo (lunedì 3) a Salvatore Natoli (sabato 8), da Enrico Berti (venerdì 7) a Franco Trabattoni (mercoledì 5) e Carlo Sini, ma non solo.
FilosofArti si propone, infatti, di avvicinare alla materia non unicamente il mondo della scuola, della ricerca universitaria e degli esperti, ma anche e soprattutto il pubblico più vasto di non specialisti, con una particolare attenzione ai bambini e alla terza età. Ecco così che, accanto alle lezioni magistrali di importanti protagonisti della filosofia contemporanea, la rassegna proporrà mostre di arte contemporanea e di fotografia, spettacoli teatrali, stage di danza creativa, proiezioni cinematografiche, concerti e performance musicali, laboratori didattici per bambini e ragazzi e, persino, cene filosofiche, proposte di menù opportunamente studiate per portare, in maniera conviviale, a riflettere sulla dimensione dei rapporti tra cibo e teoria filosofica. Numerosi gli spazi cittadini coinvolti: dai teatri delle Arti, del Popolo e Condominio alla Civica galleria d’arte moderna, dal Sestante Fotoclub al Proscaenium, dal Melo-Università della Terza età al Museo di studi patri, dalle scuderie Martignoni all'Istituto musicale Puccini.
L’avvio è stato all’insegna della fotografia: questa mattina, domenica 2 marzo, si è aperta la mostra itinerante Le performances dei poeti e degli artisti: L’ultima cena di Andy Wahrol, 1987, con immagini di Fabrizio Garghetti, in occasione della quale è prevista, alle 21 di venerdì 7, una lectio magistralis con l’autore ed Elio Grazioli.
Rimanendo nell’ambito delle arti visive, merita una segnalazione la giornata di studi Eternità presente. Senso ed esperienza del tempo nella società digitale, a cura di Alessandro Ludovico, Tommaso Tozzi e Francesca Marianna Consonni, che si terrà nella giornata di venerdì 7 (dalle 10 alle 18) alla sala Martignoni e che vedrà la presenza, tra gli altri, di Antonio Caronia, Amanda McDonald Crowley, Tommaso Trini e Siegfried Zielinski. Durante il convegno, organizzato dalla Civica galleria d’arte moderna, con la collaborazione dell’Accademia di belle arti di Carrara, verrà presentato il foglio informativo Wok city map, dedicato al tema viaggio nell’arte contemporanea.
Promossa dalla Civica galleria d’arte moderna è anche la mostra Bianco & Valente: Opere video e ambienti 1995-2008, a cura di Emma Zanella e Vittoria Broggini, la cui inaugurazione è in programma per la serata di sabato 9 (ore 19.00). Una serie di lavori, tra cui Untitled (1998), Tempo universale (2007) e The Effort to Recompose my Complexity (2008), nuova opera ambientale prodotta appositamente per l’esposizione gallaratese, evidenzierà il dialogo tra arti visive e scienze, riflettendo sui possibili legami e i comuni percorsi.
Grande spazio in FilosofArti avrà anche il teatro. Nel cartellone del festival gallaratese sono, infatti, stati inseriti La pecora nera, elogio funebre del manicomio elettrico di Ascanio Celestini, che si terrà alle 21 di giovedì 6 marzo al teatro Condominio, e Finale di partita di Samuel Beckett, con e per la regia di Franco Branciaroli, in cartellone alle 21 di lunedì 10 al teatro delle Arti; mentre per le scuole è stato organizzato lo spettacolo Apologia di Socrate, da Platone e con Carlo Rivolta, in programma alle 10.30 del 4 marzo, sempre al teatro delle Arti.
Per concludere, si segnala la grande novità di questa terza edizione del festival: un interessante «microprogetto» incentrato su Alice nel paese delle meraviglie, che prenderà avvio, alle 21.00 di martedì 4 marzo, con la lezione magistrale Lo sguardo di Alice e i paradossi della verità di Carlo Sini e che prevede stage, spettacoli di danza e laboratori interattivi destinati ai bambini.
Le conferenze, i laboratori, le mostre sono a ingresso gratuito; a pagamento e su prenotazione gli spettacoli teatrali e le cene filosofiche.

Didascalie delle immagini
(fig. 1) Bianco-Valente, Aria, video w/o sound, 32". Progetto speciale per Nokia/Connect to Art ispirato da una poesia di Alda Merini. Opera in mostra alla Gam di Gallarate nell'ambito della mostra Bianco & Valente: Opere video e ambienti 1995-2008, a cura di Emma Zanella e Vittoria Broggini; (fig. 2) Bianco-Valente, Untitled, 1998, plotter a cera su tela, 79x104.5cm; Courtesy Galleria Alfonso Artiaco, Napoli. Opera in mostra alla Gam di Gallarate nell'ambito della mostra Bianco & Valente: Opere video e ambienti 1995-2008, a cura di Emma Zanella e Vittoria Broggini;

[Le immagini n. 1 e n. 2 sono state fornite da Giulia Airoldi e Patrizia Pastorelli, responsabili delle relazioni esterne della Gam di Gallarate]
(fig. 3) Lucia Ragni, Alessandro Albertin e Franco Branciaroli in Finale di partita di Samuel Beckett. In scena lunedì 10 marzo al teatro delle Arti di Gallarate; (fig. 4) Franco Branciaroli con Alessandro Albertin in Finale di partita di Samuel Beckett. In scena lunedì 10 marzo al teatro delle Arti di Gallarate; (fig. 5 e fig. 6) Ascanio Celestini in La pecora nera, elogio funebre del manicomio elettrico. Foto di: Maila Iacovelli - Fabio Zayed. In scena giovedì 6 marzo al teatro Condominio di Gallarate.

Informazioni utili
FilosofArti
. Gallarate – sedi varie. Informazioni: tel. 0331.784140. Dal 2 al 10 marzo 2008. Calendario su:
www.fondazioneculturalegallarate.it/filosofarti.htm.