«Fogli d'arte» è una pubblicazione identificata univocamente da un codice ISSN (International Standard Serial Number), attribuito in data 7 marzo 2008: ISSN 1974-4455. Per comunicazioni: foglidarte@gmail.com.

martedì 16 settembre 2008

«Who is Peggy?», una collezione di oggetti limited edition per la Guggenheim

Una mini-collezione di oggetti e accessori di uso quotidiano ispirata a Peggy Guggenheim, alle sue passioni, al suo amore per l’arte e alla sua originale visione di vita. Ecco Who is Peggy?, linea di oggetti disegnata dai giovani designer di Fabrica, il centro di ricerca sulla comunicazione del gruppo Benetton, che ha sede a Treviso, nel complesso restaurato ed ampliato da Tadao Ando.
In occasione del sessantesimo anniversario della collezione Peggy Guggenheim a Venezia, i due store del prestigioso museo che s’affaccia sul Canal Grande, il più importante in Italia per l'arte europea ed americana della prima metà del ventesimo secolo, si dotano di una collezione limited edition suggerita dall'eccentrica e lungimirante collezionista americana, passata alla storia come una vera e propria talent-scout ante litteram per aver scoperto, creduto e sostenuto artisti del calibro di Picasso, Mondrian, Kandinsky, Dalì, Magritte e Pollock.
La collezione, in vendita da qualche giorno, è stata studiata da Marta Teixeira da Silva, Sam Baron, Valentina Carretta e Carine Damon, giovani designer che hanno fatto rivivere, con strumenti moderni come la computer grafica e altri più artistici come la serigrafia, il mondo di Peggy e tutto ciò che di lei è entrato nell’immaginario collettivo, dall'adorata macchina da scrivere, strumento di amicizie e amori epistolari, agli inconfondibili occhiali a farfalla, dagli innumerevoli cagnolini pechinesi alle foto in bianco e nero, con la Serenissima sullo sfondo. Ecco così allegri e colorati quaderni, in edizione numerata, con ritratti in movimento della collezionista americana, a sottolineare il suo desiderio di esplorare forme d’arte sempre nuove, ma anche due divertenti ciotole in ceramica per i propri «amici a quattro zampe» e borse con serigrafie fucsia che ci restituiscono alcuni momenti della vita di Peggy. Imperdibile, infine, la spiritosa ed elegante macchina da scrivere-contenitore, che può anche trasformarsi in uno scrigno segreto.

Didascalie delle immagini
[fig. 1] Who is Peggy?, photo by Fabrica; [fig. 2] Fabrica Design Team, photo by Gustavo Millon/Fabrica; [fig. 3] Typewriter; photo by Gustavo Millon/Fabrica.


Informazioni utili
Who is Peggy?
Collezione Peggy Guggenheim - Palazzo Venier dei Leoni, Dorsoduro, 701 -Venezia. Informazioni: Museum Shop (Roque Luna / Roberta Chiarotto / Mattia Talli), tel. 041.2405422/432/410, fax 041.5203491, e-mail: shop@guggenheim-venice.it. Sito web: www.guggenheim-venice.it.

Curiosando nel Web
www.guggenheim-venice.it
www.fabrica.it

Una serata con I Legnanesi per il debutto di "BA Teatro 2008-09"

Dai palcoscenici teatrali del nord Italia, dove presenteranno una grande rivista amarcord per i sessant’anni dalla fondazione, al piccolo schermo di Antenna 3, sul quale da sabato 27 settembre saranno protagonisti della sit-com Casa Colombo: sono davvero tante le novità che la compagnia I Legnanesi di Felice Musazzi ha in serbo per la nuova stagione.
Chi fosse curioso di saperne di più, non può assolutamente perdersi la serata di presentazione di BA Teatro–Stagione cittadina 2008-2009, in programma alle 21 di giovedì 18 settembre presso il teatro Sociale di Busto Arsizio. Antonio Provasio, Enrico Dalceri e Luigi Campisi -più noti al grande pubblico come «la Teresa, la Mabilia e il Giovanni»– saranno, infatti, tra i protagonisti dell’appuntamento, a ingresso libero e gratuito (fino ad esaurimento posti), che PalkettoStage-International Theatre Production e i teatri Manzoni, San Giovanni Bosco e Sociale stanno organizzando per far conoscere al grande pubblico l’ampio e articolato ventaglio di proposte culturali che compone la seconda edizione di BA Teatro, rassegna nata sotto l’egida e con il contributo economico dell’amministrazione comunale di Busto Arsizio, che comprende ventinove spettacoli e dodici eventi collaterali, capaci di accontentare i gusti di un pubblico eterogeneo, dai giovanissimi agli amanti delle vecchie tradizioni e del dialetto.
Scenette umoristiche, proiezioni video con spezzoni dello spettacolo estivo Teresa e Mabilia. Rogne in famiglia e della nuova sit-com Casa Colombo e, dulcis in fundo, una chiacchierata con il pubblico presente in sala su I Legnanesi 1949-2009. Sessant’anni in un grande evento, spettacolo che da martedì 3 a giovedì 5 marzo 2009 andrà in scena al teatro Sociale di Busto Arsizio, caratterizzano la partecipazione del «trio dei record», compagnia di prosa più vista nella passata stagione teatrale (secondo i dati recentemente pubblicati da Il giornale dello spettacolo), alla serata di presentazione di BA Teatro 2008-2009.
Antonio Provasio, Enrico Dalceri e Luigi Campisi chiuderanno in allegria l’appuntamento di giovedì 18 settembre, concepito come un brioso contenitore di momenti di spettacolo teso a presentare un assaggio del ricco carnet di appuntamenti, composto da grandi classici e testi di innovazione, produzioni in lingua originale e incontri musicali, che nei prossimi otto mesi porteranno a Busto Arsizio grandi nomi del teatro, come Erica Blanc, Paolo Bonacelli, Debora Caprioglio, Leo Gullotta, Giò di Tonno, Sebastiano Somma e Paola Gassman, ma non solo.
Testimonial del teatro Sociale, oltre alla compagnia I Legnanesi di Felice Musazzi, sarà il Centro arte danza di Olgiate Olona, che presenterà un estratto delle coreografie studiate da Antonella Colombo per lo spettacolo Isadora. Omaggio alla Duncan, in cartellone giovedì 26 febbraio 2009. Sulle note di Dream di John Cage, i danzatori Gjergj Bodari, Daniela Macchi, Marilena Garufi, Laura Russo Volpe e Giulia Sebastiani, introdurranno il pubblico alla figura della leggendaria ballerina americana, che è passata alla storia come l'ideatrice della cosiddetta «danza libera», nuovo genere che si pose in aperta polemica con l’accademia e che ha indicato la via, tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, verso il balletto astratto.
Gli Attori del teatro Sociale lanceranno, invece, la stagione del ridotto Luigi Pirandello, nuova sala dedicata al «teatro di parola e di ricerca», la cui inaugurazione è prevista per la serata di giovedì 13 novembre, alla presenza di esponenti del Centro nazionale studi pirandelliani di Agrigento, proponendo un piccolo assaggio dello spettacolo Nannarella. Omaggio alla Magnani (giovedì 12 marzo 2009).
Palkettostage proporrà una rassegna-video con immagini di repertorio di alcuni suoi spettacoli delle passate stagioni. Il Manzoni offrirà un momento di spettacolo a cura della compagnia amatoriale Attori per caso di Busto Arsizio; mentre il San Giovanni Bosco proporrà un breve stralcio della commedia brillante Il contravveleno di Nino Martoglio, con la compagnia non professionista La marmotta di Fagnano Olona.

Didascalie delle immagini
[fig. 1] La Teresa, la Mabilia e il Giovanni in una foto di repertorio; [fig. 2] Primo piano di
Antonio Provasio, Enrico Dalceri e Luigi Campisi; [fig. 3] Isadora Duncan
[Le immagini 1 e 2 sono state fornite da LPM Spettacoli]


Informazioni utili

Una serata con I Legnanesi. Presenzione di BA Teatro 2008/2009. Data: giovedì 18 settembre 2008, ore 21.00. Ingresso libero e gratuito, fino ad esaurimento dei posti disponibili. Informazioni: Il teatro Sociale Srl, piazza Plebiscito 1 - 21052 Busto Arsizio (Varese). Infoline: tel. 0331 679000. Sito web: www.teatrosociale.it.

venerdì 5 settembre 2008

Teatro Sociale di Busto Arsizio, una stagione all'insegna della donna e dell'impegno civile

Dalla prosa alla danza, dall’operetta alla lirica, dalla commedia dialettale al dramma-documento: un articolato ventaglio di generi teatrali caratterizza la stagione 2008/2009 del teatro Sociale di Busto Arsizio.
Autori impegnati del calibro di Corrado Augias ed Enzo Lauretta, interpreti di vaglia come l’attore Paolo Bonacelli e la soprano Dianora Marangoni, ma anche realtà attive sul territorio locale quali I Legnanesi di Felice Musazzi, il Centro arte danza di Olgiate Olona e la Millennium Dance di Lonate Pozzolo sono tra gli interpreti e i drammaturghi che calcheranno le assi del palcoscenico di piazza Plebiscito tra il novembre 2008 e l’aprile 2009.
Otto gli spettacoli in cartellone, tra cui un’anteprima nazionale e tre esclusive provinciali, per sei mesi di programmazione, equamente divisi tra ospitalità e produzioni interne, che porteranno il pubblico a compiere un affascinante viaggio nei meandri del teatro, della musica e della danza italiana e internazionale, sotto il segno della donna e dell’impegno civile.
Fiore all’occhiello della stagione sarà lo spettacolo -in esclusiva provinciale al teatro Sociale di Busto Arsizio- Aldo Moro. Una tragedia italiana, teatro-documento a firma di Corrado Augias e Vladimiro Polchi, che racconta la cronaca dei cinquantacinque giorni più lunghi e oscuri della storia italiana del secondo dopoguerra, quelli della prigionia dello statista pugliese nel «carcere del popolo», attraverso le sue lettere agli amici di partito, a papa Paolo VI e ai familiari, ma anche con immagini tratte dai telegiornali dell’epoca e spezzoni di film realizzati sul caso, da Piazza delle cinque lune di Renzo Martinelli a Buongiorno notte di Marco Bellocchio. A ripercorrere la storia di quello che Leonardo Sciascia ha definito l’«l’affaire Moro» saranno, nella serata di venerdì 30 gennaio 2009 (ore 21.00), Paolo Bonacelli e Lorenzo Amato, sotto la regia di Giorgio Ferrara.
Mette in scena una storia forte e attuale anche una delle altre due esclusive provinciali in cartellone nella sala di piazza Plebiscito: Maddalena di Enzo Lauretta, testo vincitore nel 2005 del PremiOpera Fantiano, che affronta una tematica eticamente sensibile come quella del sacerdozio femminile e un argomento spinoso quale la drammatica difficoltà di perseverare, sul versante maschile, il celibato sacerdotale. La data da fissare in agenda per assistere a questo lavoro teatrale, in scena per la regia di Alfredo Traversa e con la compagnia pugliese Teatro della Fede–Centro di anime e corpi di Grottaglie, è quella di giovedì 23 aprile 2009 (ore 21.00).
Chiude l’elenco delle esclusive provinciali in cartellone al teatro Sociale la briosa operetta La mia santarellina, nuova produzione della compagnia La Belle Epoque di Ravenna, ispirata alle opere Mam’zelle Nitouche di Henri Meilhac e ‘Na santarella di Edoardo Scarpetta, su musiche di Giorgio Tazzari, che venerdì 3 aprile 2008 (ore 21.00) porterà il pubblico tra le atmosfere eleganti e maliziose della Francia fin de siècle.
Atmosfere d’antan si respireranno anche in Isadora. Omaggio alla Duncan, appuntamento di teatro-danza dedicato alla leggendaria ballerina americana che inventò la cosiddetta «danza libera», nuovo genere che si pose in aperta polemica con l’accademia e che, a inizio Novecento, indicò la via verso il balletto astratto. A far rivivere sul palco questa icona del secolo scorso –donna di scrittura, intellettuale anticonvenzionale, amante appassionata e madre tenera- saranno, nella serata di giovedì 26 febbraio 2009 (ore 21.00), il Centro arte danza di Olgiate Olona e la compagnia Attori del teatro Sociale.
A una prima scorsa al programma di sala, risulta, dunque, chiaro che «Chi dice donna, dice…teatro» potrebbe essere lo slogan della nuova stagione della struttura di piazza Plebiscito. Tantissime sono, infatti, le figure femminili che il pubblico potrà incontrare,dall’affascinante Maddalena alla «santarellina» Chanel e all’elegante Isadora Duncan, ma non solo. Donna dal fascino raffinato è la protagonista di Sogno, ma forse no, atto unico di Luigi Pirandello dedicato al rapporto tra realtà e illusione, con cui gli Attori del teatro Sociale debutteranno, sotto la regia di Delia Cajelli, a Bratislava (in Slovacchia) il prossimo ottobre, per poi approdare a Busto Arsizio nella serata di giovedì 27 novembre 2008 (ore 21.00) e ad Agrigento, nell’ambito del 45° Convegno internazionale di studi pirandelliani, in programma ai primi di dicembre.
Donne sono le due protagoniste dell’opera lirica Il trovatore di Giuseppe Verdi, su libretto di Salvatore Cammarano e Leone Emanuele Bardare: l’angelicata Leonora e la passionale zingara Azucena, le cui storie sarà possibile rivivere mercoledì 3 dicembre 2008 (ore 21.00) in una serata organizzata dalla società Amilcare Ponchielli di Busto Arsizio e in memoria di Vittorio Tosto. E donna è anche la dolce e generosa Befana, la cui storia avventurosa sarà al centro dello spettacolo natalizio La freccia azzurra, ispirato all’omonima favola di Gianni Rodari, che vedrà salire sul palco, nella serata di lunedì 22 dicembre 2008 (ore 21.00), gli Attori del teatro Sociale e la Millennium Dance di Lonate Pozzolo.
Non potevano, infine, mancare nel cartellone 2008/2009 del teatro Sociale i Legnanesi di Felice Musazzi, che martedì 3, mercoledì 4 e giovedì 5 marzo 2009 (ore 21.00) porteranno in scena la loro nuova rivista, nata per festeggiare i sessant’anni di vita di Teresa, Mabilia e Giovanni, e che giovedì 18 settembre 2008 (ore 21.00) saranno ospiti della serata di presentazione di BA Teatro 2008-2009 (ingresso libero e gratuito, fino ad esaurimento dei posti), rassegna comunale che raccoglie le programmazioni della società Palkettostage–International Theatre Production e dei teatri Manzoni, San Giovanni Bosco e Sociale.
La vera “ciliegina sulla torta” della stagione 2008/2009 della sala di piazza Plebiscito sarà, però, l’apertura di un nuovo spazio dedicato al «teatro di parola e di ricerca», i cui lavori di restyling sono in fase di ultimazione: il ridotto Luigi Pirandello. Qui, da ottobre 2008 a maggio 2009, verranno ospitati dodici eventi collaterali rivolti a un «pubblico di nicchia», come i saggi degli allievi della scuola di recitazione Il metodo (mercoledì 15 e giovedì 16 ottobre 2008, ore 21), gli omaggi ad Anna Magnani (giovedì 12 marzo 2009, ore 21), Eleonora Duse (giovedì 26 marzo 2009, ore 21.00) e all’intellettuale bustocco Este Milani (giovedì 20 novembre 2008, ore 21.00), e la rassegna Cultura lombarda. Autori e opere, suddivisa in quattro appuntamenti dedicati rispettivamente a Carlo Maria Maggi (giovedì 9 aprile 2009, ore 21), Carlo Porta (mercoledì 15 aprile 2009, ore 21.00), Carlo Bertolazzi (giovedì 7 maggio 2009, ore 21.00) e Angelo Bottigelli (giovedì 21 maggio 2009, ore 21.00).
A tenere a battesimo la nuova sala saranno, nel mese di novembre, due appuntamenti organizzati in collaborazione con il Centro nazionale studi pirandelliani di Agrigento: lo prima nazionale dello spettacolo Teneri amori (giovedì 13 novembre 2008, ore 21.00), riduzione dell’omonimo romanzo di Enzo Lauretta, e la messa in scena del monologo L’atroce notte di Stefano Milioto (venerdì 14 novembre 2008, ore 21.00), che debutterà a Bratislava (in Slovacchia) nel mese di ottobre.
Chiude la programmazione del ridotto Luigi Pirandello una scoppiettante serata in ricordo dei cent’anni dalla nascita del Futurismo, in programma nella serata di venerdì 20 febbraio 2009, a un secolo esatto di distanza dalla pubblicazione del primo manifesto di Filippo Tommaso Marinetti su Le Figaro.
Le novità che il teatro Sociale ha in serbo per i suoi utenti non finiscono, però, qui. «Quest’anno – spiega Delia Cajelli, direttrice artistica della sala di piazza Plebiscito- abbiamo pensato a una riduzione del prezzo dei biglietti per incrementare la partecipazione del pubblico e, nello stesso tempo, per combattere il caro-vita, che porta molti a rinunciare alle spese per il tempo libero e la cultura. Invariati rispetto allo scorso anno rimarranno i biglietti per lo spettacolo dei Legnanesi, il cui costo varia dai 35 ai 25 euro; mentre per tutti gli altri appuntamenti abbiamo studiato prezzi alla portata di tutte le tasche, compresi tra i 16 e i 12 euro. Il nostro intento è di portare a teatro più giovani e più anziani».
I biglietti per gli spettacoli in programmazione presso il teatro Sociale di Busto Arsizio possono essere acquistati da lunedì 8 settembre 2008. Il botteghino, sito in piazza Plebiscito 1 (tel. 0331 679000/0331 632912), osserva i seguenti giorni di apertura: lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 17.00 alle 19.00. Le prenotazioni telefoniche possono, invece, essere effettuate presso gli uffici del teatro, al numero 0331 679000, nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00, e il sabato, dalle 9.30 alle 12.30.

Didascalie delle immagini

[fig. 1] Interno del teatro Sociale di Busto Arsizio (Varese); [fig. 2] Immagini tratte dagli ultimi spettacoli della compagnia I Legnanesi di Felice Musazzi; [fig. 3] Una scena dello spettacolo Maddalena di Enzo Lauretta, con la compagnia Teatro della Fede–Centro di anime e corpi di Grottaglie; [fig. 4] Una scena dello spettacolo La mia santarellina con la compagnia La Belle Epoque di Ravenna; [fig. 5 e fig. 6] Una scena dello spettacolo Aldo Moro. Una tragedia italiana di Corrado Augias e Vladimiro Polchi.

Informazioni utili
Stagione 2008-2009. Il teatro Sociale Srl, piazza Plebiscito 1 - 21052 Busto Arsizio (Varese). Botteghino: lunedì, mercoledì e venerdì, ore 17.00-19.00. Informazioni: tel. 0331 679000. Sito web: www.teatrosociale.it.