«Fogli d'arte» è una pubblicazione identificata univocamente da un codice ISSN (International Standard Serial Number), attribuito in data 7 marzo 2008: ISSN 1974-4455. Per comunicazioni: foglidarte@gmail.com.

lunedì 12 novembre 2012

«Tam-Tam», una scuola per chi ha il «D-Factor»

Una scuola di eccellenza nel campo del design, dell’arte e della comunicazione: ecco «Tam, Tam», progetto nato da un’idea di tre artisti di fama internazionale, ovvero Alessandro Guerriero, Riccardo Dalisi e Alessandro Mendini.
La scuola, di prossima apertura, sarà totalmente gratuita e articolerà la propria offerta formativa con modalità di workshop, corsi –dichiarano gli ideatori- che «intendono analizzare le più disparate declinazioni del mondo del design attraverso un approccio libero e creativo, scevro da sovrastrutture, limiti e preconcetti».
Tanti i professionisti che hanno già dato la propria adesione al progetto, le cui domande di iscrizioni, per i corsisti, rimarranno aperte fino al 31 dicembre 2012 all'indirizzo e-mail casting@tam-tam-tam.org.
Per consentire un percorso formativo efficace e garantire l'accesso alle strumentazioni e alle attività didattiche, tutti i corsi di «Tam Tam» saranno, infatti, a numero programmato. La partecipazione, libera e gratuita, non sarà vincolata al possesso di requisiti specifici di titolo di studio né età (fatto salvo il requisito di essere maggiorenni).
Per l'ammissione è previsto un colloquio propedeutico di idoneità denominato «D-Factor», che si terrà presso la Triennale di Milano in data in via di definizione. Il candidato dovrà per l'occasione portare con sé un oggetto autonomamente progettato, restaurato o recuperato, e dovrà spiegare la propria relazione con esso. La commissione del test d’ammissione, composta dai fondatori dell’associazione «Tam Tam» (onlus fondata da Alessandro Guerriero, Margherita Sigillò, Giacomo Ghidelli e Cesare Castelli) e da una selezione di docenti e tutor della scuola, valuterà in base al racconto dell'aspirante studente la propria idoneità alla frequentazione dei corsi.
Le attività si svolgeranno in orario serale (dalle 18.00 in avanti) e i workshop avranno una durata variabile, in base al progetto formativo elaborato dai rispettivi docenti. «Un giorno, una settimana, un mese, o un intervallo temporale più lungo -spiegano gli organizzatori- potranno, di volta in volta, occupare gli studenti, in un ciclo discontinuo che si articolerà durante tutto l’anno».
Le lezioni si terranno, principalmente, presso l’aula 83 di Naba - Nuova Accademia di Belle Arti Milano (sita in via Darwin, 20), ma potranno avere luogo anche in numerose altre strutture, quali teatri, locali o università milanesi che abbiano piacere di accogliere, a titolo gratuito, corsi o lezioni di «Tam Tam».
E', infatti, la filosofia del dono la cifra stilistica di questa nuova scuola milanese, «senza struttura, gerarchia né ruoli», che avrà trai propri insegnanti anche Maurizio Cattelan, Giacinto di Pietrantonio, Beppe Finessi, Alessandro Mendini, Francesca Alfano Miglietti, Mauro Panzeri e Antonio Riello.
«Il tempo, le idee, il vissuto biografico, affettivo ed estetico di ciascuno – spiegano gli organizzatori- saranno così per tutti, docenti e studenti, un regalo da condividere, spendere e ricambiare, in un percorso ciclico di scoperta, un gioco poetico ed utopico sotto il segno dello stupore».
«Chi supererà la selezione avrà accesso – raccontano ancora gli ideatori di «Tam Tam»- alla didattica e si impegnerà a ricambiare la gratuità del dono di questa esperienza dedicando alcune ore ad una delle associazioni senza fine di lucro che la scuola vorrà suggerire. Tempo in cambio del tempo, energie mentali in cambio di nuovi stimoli, in un processo ciclico di scambio ed arricchimento che si sviluppa sotto varie forme ed invita i suoi protagonisti a vivere, anziché imparare a vivere».
Tra i corsi già programmati ci saranno quello, curioso e provocatorio, di Tony Cavadini sulla «pratica del non fare», quello di Johnny Dall'Orto sulla costruzione di un labirinto, e, ancora, quello di Francesca Grazzini sulla trasformazione dei rifiuti in oggetti d'arte. Mentre le Bubbluedesign terranno un corso sulla cultura del cibo, durante il quale nel quali si cercheranno delle relazioni tra il foodscape e il landscape della città di Milano. Alcuni esempi? «Il Duomo fatto di spaghetti numero 5, il Castello sforzesco ricreato con il risotto alla milanese, Il parco Lambro con i broccoli verdi», idee per una città nuova e dal gusto inedito.

Didascalie delle immagini
[fig. 1] Alessandro Mendini, uno dei fondatori di «Tam Tam»; [fig. 2] Maurizio Cattelan, uno dei docenti di «Tam Tam»; [fig. 3]  Le Bubbluedesign, tra i docenti di  «Tam Tam»

Informazioni 
«Tam- Tam», scuola di design, arte e comunicazione. Informazioni: info@tam-tam-tam.org. Blog: http://tamtamtamblog.wordpress.com/. FB: www.facebook.com/#!/pages/Tam-Tam/330274890392083. Sito Web: www.tam-tam-tam.org. Iscrizioni aperte fino al 31 dicembre 2012 all'indirizzo e-mail casting@tam-tam-tam.org.

Nessun commento:

Posta un commento