«Fogli d'arte» è una pubblicazione identificata univocamente da un codice ISSN (International Standard Serial Number), attribuito in data 7 marzo 2008: ISSN 1974-4455. Per comunicazioni: foglidarte@gmail.com.

venerdì 11 gennaio 2013

Torino, terminato il restauro di un gesso giovanile di Davide Calandra

Ritorna nelle sale della Galleria d’arte moderna di Torino il gesso «L’aratro» di Davide Calandra (Torino 1856 – 1915), modello dell’omonima opera collocata alla Galleria nazionale d’arte moderna di Roma. Il bozzetto, recentemente sottoposto a un lungo intervento conservativo presso il laboratorio Nicola Restauri di Aramengo, nell’Astigiano, sarà al centro del prossimo appuntamento di Gam Wunderkammer, in programma da giovedì 17 gennaio a domenica 24 febbraio, per la curatela di Virginia Bertone.
Giunta nelle collezioni del museo nel 1922 attraverso la donazione di Giorgio Calandra, l’opera descrive, senza abbellimenti, il procedere di un contadino che dissoda con l’aratro il terreno per prepararlo alla semina.
Il soggetto del gesso, che ha salde radici nella pittura piemontese di quel periodo, come documentano le opere coeve di Antonio Fontanesi e Carlo Pittara, mostra, dunque, un interesse dell’artista, allievo di Enrico Gamba e Odoardo Tabacchi all’Accademia Albertina di Torino, per un verismo legato a temi rustici e campestri. Dà conferma di questa lettura la scultura, pressoché coeva, «Attraverso i campi» (1889), visibile alla Gipsoteca di Savigliano.
Il modello conservato alla Gam, nelle cui collezioni sono visibili anche le opere di ispirazione tardo-romantica «Cuor sulle spine» (1882) e «Fior di chiostro» (1884), è datato 1888 e rappresenta un primo, originale esito di una ricerca che sarebbe proseguita sino a condurre lo scultore a maturare una peculiare cultura eclettica capace di coniugare un colto storicismo con le eleganti cadenze fin de siècle, la cifra che avrebbe improntato la sua grande scultura celebrativa e di cui è nobile esempio «Il conquistatore», posto nel giardino del museo torinese.
L’intervento conservativo dell’opera, nota anche come «Il primo solco», ha visto il ripristino del braccio sinistro e della mano destra del contadino, che erano compromessi sul gesso originale, eseguendo un calco direttamente sulla scultura bronzea alla Galleria nazionale d’arte moderna di Roma, lavoro anch’esso datato al 1888 ed esposto, prima di giungere nella capitale, presso l’Esposizione nazionale di Palermo del 1891-1892.
Il gesso si presentava, inoltre, con una tonalità tendente al grigio a causa della polvere che si era depositata nel corso degli anni, così come un alone giallastro era stato provocato dall’ossidazione dei materiali. Entrambi questi problemi sono stati eliminati grazie ad un’accurata pulitura eseguita agendo sotto aspirazione.
In contemporanea con l’omaggio a Davide Calandra, negli spazi della galleria torinese saranno inaugurati anche due nuovi appuntamenti dei progetti espositivi «Surprise» e «Vitrine» . La prima rassegna, che concentra l’attenzione sul contesto artistico torinese tra gli anni Sessanta e Settanta, proporrà una mostra di Pietro Gallina (Torino, 1937), a cura di Maria Teresa Roberto, docente di storia dell’arte contemporanea presso l’Accademia Albertina di Torino. L’esposizione, che fa seguito a una dedicata ad Ugo Nespolo, ripercorre l’interesse dell’artista piemontese per la rappresentazione di forme umane e animali attraverso ombre, profili e impronte. Alcuni ritratti (inedito quello di Aldo Passoni), un uomo specchiante, la silhouette di una giovane donna seduta (nella collezione della Gam dal 1967) saranno esposti insieme con una scultura in bronzo della serie «Nevigrafie», datata 1970, nella quale è fissata per sempre la traccia di un passo dell’artista.
Il progetto «Vitrine», per la curatela di Stefano Collicelli Cagol, offrirà,invece, una finestra sul lavoro di Helena Hladilova (Kroměříž, Repubblica Ceca, 1983) , della quale verrà esposta «270°», una scultura, priva di plinto e dotata di piccole ruote, che avrà una continua mobilità all’interno dell’ingresso della Gam, mettendo così in discussione il legame tra l’immobilità tradizionalmente riferita a una scultura e l’area espositiva a cui viene assegnata.

Didascalie delle immagini
[fig. 1]  Davide Calandra, «L’aratro», 2012. Torino, Galleria d'arte moderna; [fig. 2] Pietro Gallina, «Ombra di giovane donna seduta», 1967. Torino, Galleria d'arte moderna

Informazioni utili
«Davide Calandra scultore: un'importante opera giovanile restaurata» - «Pietro Gallina: ombre, profili, impronte» - «Vitrine: Helena Hladilova». Galleria d’arte moderna, via Magenta, 31 – Torino. Orari: martedì – domenica, ore 10.00-18.00, chiuso lunedì. Ingresso: intero € 10,00, ridotto € 8,00, gratuito per i ragazzi fino ai 18 anni (ingresso gratuito per la mostra di Vitrine). Informazioni: centralino, tel. 011.4429518; segreteria, tel. 011.4429595, e-mail gam@fondazionetorinomusei.it. Dal 17 gennaio al 24 febbraio 2013.

giovedì 10 gennaio 2013

«Mantova - Parco dell’arte» e «Bergamo - Tracce urbane»: due concorsi per ‘colorare’ la città

La primavera porterà a Mantova un nuovo gioiello per gli amanti dell’arte e della natura. A maggio, sulle rive del Mincio, nell’area verde già attraversata da percorsi, sentieri, radure che si sviluppano tra la riva nord-est del Lago di mezzo, l’edificio detto di «Sparafucile», i confini a sud della cartiera Burgo e a est della Strada del forte, sorgerà un parco d’arte.
Per la realizzazione delle sculture-installazioni che orneranno il nuovo percorso turistico della città, l’associazione culturale «Mantova Creativa», in collaborazione con l’Ente Parco del Mincio e Tea spa, indice il premio «Mantova - Parco dell’arte».
Il concorso, le cui iscrizioni scadranno nella giornata di giovedì 31 gennaio, è aperto ad artisti di qualsiasi nazionalità e si propone di ricercare opere inedite, realizzate con materiali di basso costo anche riciclati, tuttavia adeguati a resistere in esterni ed avere una progettualità di particolare attenzione alla natura dell’ambiente che le accoglierà.
Ogni lavoro proposto dovrà occupare uno spazio approssimativo di tre metri per tre in pianta, per un’altezza massima approssimativa di quattro metri.
Gli interessanti dovranno inviare i propri bozzetti o la rappresentazione fotografica dei modelli dell’opera pensata per il parco mantovano (in massimo tre tavole in formato A1, montate su supporto rigido spessore 5 mm tipo forex e un cd), insieme con una nota biografica e una descrizione del lavoro (di massimo 5000 battute), contenente informazioni sui materiali utilizzati, le dimensioni e il peso approssimato, le modalità di assemblaggio delle parti dopo il trasporto.
Tra i progetti pervenuti, la giuria ne selezionerà otto, la cui realizzazione dovrà avvenire entro i primi giorni di maggio (anche in loco), in vista dell’inaugurazione ufficiale del parco prevista per la fine dello stesso mese. Tra questi lavori, ne verrà selezionato uno, che riceverà un premio di 3000 euro; mentre ciascuno dei restanti sette finalisti riceverà un assegno di 600 euro.
Anche Bergamo lancia un concorso per colorare il proprio contesto urbano. Il bando, aperto fino a venerdì 1° febbraio, è finalizzato alla raccolta di candidature di giovani artisti, writers, progettisti e creativi residenti nel territorio bergamasco, con un’età compresa tra i 15 e 26 anni, cioè nati tra il 1987 e il 1998, che lavoreranno a stretto contatto con il Servizio Giovani e Sport dell’Amministrazione comunale per la riqualificazione di alcune zone della città. Gli interessati dovranno far pervenire allo sportello dello Spazio Polaresco una breve descrizione della propria personalità, del percorso artistico e delle motivazioni che li vedono interessati a partecipare a «Tracce urbane», un concorso per colorare e rendere ancora più bella la città.

Didascalie delle immagini
[fig. 1] Locandina del concorso «Mantova - Parco dell’arte»; [fig. 2] Locandina del concorso «Tracce urbane»

Informazioni utili 
«Mantova - Parco dell’arte». Data ultima di consegna dei materiali: 31 gennaio 2013. Quota di partecipazione: € 50,00. Informazioni e recapito per la consegna dei materiali: Mantova Creativa, via SS Martiri, 2 - 46100 Mantova, cell. 333.3561501 o info@mantovacreativa.it. Sito web: www.mantovacreativa.it

«Tracce urbane». Data ultima di consegna dei materiali: 1° febbraio 2013. Quota di partecipazione: gratuita. Informazioni e recapito per la consegna dei materiali: Comune di Bergamo – Istituzione per i servizi alla persona, via del Polaresco, 15 - 24129 Bergamo, tel. 035.399657/625 o gabrieletanelli@comune.bg.it (dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 18.00). Sito Web: http://www.giovani.bg.it/.

mercoledì 9 gennaio 2013

Da Milano a Mumbai: la Fondazione Mazzotta tra i protagonisti di «[en]counters»

Da Milano a Mumbai nel segno dell’arte: vola all’estero la Fondazione Antonio Mazzotta per rappresentare l’Italia ad «[en]counters», manifestazione di arte pubblica che ogni anno, dal gennaio 2010, anima la megalopoli indiana con opere, installazioni, performance e interventi di arte partecipativa.
Accanto a istituzioni, curatori e artisti autoctoni, la quarta edizione della rassegna, ideata e prodotta dal gruppo indipendente ArtOxygen e da Asia Art Projects, con la collaborazione di StudioX e Celebrate Bandra Trust, presenterà, infatti, per la prima volta una realtà italiana, ma anche protagonisti dell’arte provenienti da Hong Kong, dall’Australia e dalla Germania.
L’iniziativa, in programma da venerdì 11 a domenica 20 gennaio, elegge annualmente un tema, una linea-guida che miri a risvegliare il senso di identità collettiva, promuovere dibattiti e sviluppare idee per rendere la città un luogo più vivibile, con ricadute in termini culturali, economici e sociali sulla comunità.
Nelle prime tre edizioni, «[en]counters» ha affrontato grandi argomenti quali le diversità identitarie (2010, «Talking Sites»), l’acqua (2011, «The Fluid City») e ha investigato l’idea di territorio nelle sue diverse declinazioni di suolo, terreno, paesaggio e patrimonio artistico (2012, «land(of)mine»). Per il 2013 il tema proposto riguarda l’energia, intesa come potenza, luce e connessione tra le persone. L’ambizione è quella di creare attraverso l’arte punti di intersezione e incontro in spazi quali spiagge e giardini, in un paesaggio urbano che si sta sviluppando in verticale e attraverso il cemento, con conseguente spostamento del centro nella city. L’intento è quello di mettere in luce come gli spazi pubblici possano essere utilizzati quali aree interattive che influenzino positivamente i nostri stili di vita.
Per articolare il contributo italiano a questa manifestazione, unica nel panorama internazionale, Martina Mazzotta ha scelto di coinvolgere Pietro Pirelli. La loro recente collaborazione nell’ambito della mostra «Pelle di donna. Identità e bellezza tra arte scienza» (Triennale di Milano, gennaio-febbraio 2012), con l’ormai noto idrofono «Pelle di donna» appositamente realizzato, ha riscosso enorme successo di critica e di pubblico. Per «[en]counters-powerPLAY 2013», il musicista e artista visuale milanese, poeta del suono e della luce che ha spesso viaggiato in India, ha studiato l’installazione «Idrofoni/Mumbai Traffic Flowers», che trasformerà il paesaggio sonoro della megalopoli indiana in melodie visive attraverso suono, acqua e luce. Nel dettaglio, «il suono della città – spiegano gli organizzatori- entrerà in ‘lampade sensibili’ per riemergerne in forma luminosa in piscine sonore: si tratta di dischi, recipienti sospesi e trasparenti riempiti con un velo d’acqua che, captando i suoni della metropoli e del traffico, si metteranno in movimento e moduleranno il fascio di luce che l’attraversa. Il moto ondoso scolpirà una serie di immagini in divenire che si proietteranno a terra e sulle superfici circostanti».
Accanto a quest’opera, della quale si parlerà a Milano in febbraio durante un incontro interamente dedicato alla manifestazione indiana, i visitatori di «[en]counters-powerPLAY 2013» potranno vedere, nei quattro luoghi della città coinvolti nel progetto (Horniman Circle Garden, Studio X, Juhu Beach e Carter Road Promenade), anche molti altri lavori incentrati sul tema dell’energia intesa come potenza e connessione tra le persone.
Il duo australiano Telepathy (Sean Peoples e Veronica Kent) esplorerà, per esempio, vie alternative, oniriche e telepatiche, di comunicazione, realizzando un concerto su un lungomare della città: i testi dei loro brani si ispireranno ai sogni che la coppia farà durante il soggiorno in India e la musica sarà rivolta a un immaginario ascoltatore dall’altra parte del mare. Mentre Il collettivo C&G-Artpartment di Hong Kong proporrà un approccio partecipativo all’arte contemporanea. Wai Ian Chung raccoglierà, nel suo «Ghost Stories», le storie di una piccola comunità di pescatori, i cui racconti verranno, poi, dipinti con vernice fluorescente sulle loro imbarcazioni, che al calar del sole si illumineranno. Clara Cheung creerà, invece, un’installazione raffigurante la skyline di Mumbai, usando bottiglie di plastica riciclate e lattine di alluminio, che il pubblico potrà riempire con acqua di mare e che saranno illuminate di notte.
L’indiana Vibha Galhotra interverrà sul fiume Mithi, un tempo fonte di energia vitale per la città, criticando la noncuranza e lo stato di irrimediabile inquinamento in cui esso versa oggi. Mentre Mansi Bhatt presenterà una sua performance, «Kalkinama», nella quale, vestita come una sposa guerriera, guiderà quindici guardie in uniforme in un’esercitazione militare scandita da canti inneggianti all’amore inteso come energia vitale. Sharmila Samant organizzerà, invece, una discussione con un gruppo di studenti di architettura e attivisti della città per creare una biblioteca, intesa come spazio aperto al pensiero e all’energia intellettuale. Mentre Reena Kallat giocherà con l’idea delle gerarchie e delle relazioni di potere attraverso una scultura-puzzle a forma di cubo, formata da venti podi sportivi con numeri e livelli mischiati. Al tema del gioco guarderà anche Sourav Biswas con le sue installazioni-altalena. Infine Tobias Megerle, tedesco che vive a Mumbai, creerà una poltrona ‘invisibile’ che farà apparire in levitazione quelli che vi siederanno sopra.

Didascalie delle immagini
[fig. 1] Logo di «[en]counters-powerPLAY 2013»; [fig. 2] Pietro Pirelli, «Idrofoni/Mumbai Traffic Flowers», 2012. Courtesy Fondazione Antonio Mazzotta, Milano; [fig. 3] Reena Kallat, «Podium /Cube», 2013; [fig. 4] Il progetto di Telepathy (Sean Peoples e Veronica Kent) per «[en]counters-powerPLAY 2013»

Informazioni utili
«[en]counters-powerPLAY 2013». Horniman Circle Garden, Studio X, Juhu Beach< e Carter Road Promenade, Mumbai – India. Informazioni sul progetto e sui singoli interventi: info@artoxygen.org. Sito web: http://asiaartprojects.net/encounters. Dall’11 al 20 gennaio 2013.  


venerdì 4 gennaio 2013

Ugo Nespolo firma l’edizione 2013 della Fòcara di Novoli

Un vulcano dalle tinte rosso, giallo e arancio, su sfondo nero, che erutta fuoco, numeri e parole: è questa l’immagine disegnata da Ugo Nespolo per il manifesto della prossima edizione della Fòcara, antica festa salentina che mercoledì 16 gennaio, in occasione delle celebrazioni per Sant’Antonio abate, illuminerà la notte di Novoli di Lecce con un rogo di venticinque metri di altezza e venti metri di diametro.
Il falò, considerato il più grande del bacino del Mediterraneo, è stata inserito tra i beni della cultura immateriale della Regione Puglia e partecipa alla catalogazione ministeriale per il riconoscimento dell’Unesco quale Patrimonio intangibile dell’umanità, da valorizzare e tutelare.
Quest’anno la costruzione del falò è iniziata lo scorso 8 dicembre, con la legatura e la posa, grazie a tecniche ormai secolari tramandate di padre in figlio, di circa ottanta mila fascine di tralci di vite secchi provenienti dai feudi del Parco del Negroamaro.
Come tutti gli anni, la mattina del 16 gennaio si compirà il rito antichissimo della bardatura che vedrà una catena umana issare sulla cima del falò l’immagine di Sant’Antonio. Nel primo pomeriggio della stessa giornata si celebrerà la benedizione degli animali e appena scenderà la sera un avvolgente fuoco pirotecnico, accompagnato da musica, innescherà l’accensione della Fòcara. Quindi, mentre il fuoco brucerà ininterrottamente (anche per più giorni), la piazza intorno al falò si animerà di fuochi d’artificio, suoni, balli e di tanti altri appuntamenti da non perdere
La festa, carica di simboli legati alla cultura popolare e contadina del territorio, che si muove tra sacro e profano, è diventata ormai da anni occasione di incontro tra culture e religioni diverse che si riuniscono idealmente intorno al «fuoco buono di Puglia, messaggero di pace nel mondo», diventato un simbolo universale di solidarietà nell’area mediterranea.
L’appuntamento musicale pensato per questa edizione della Fòcara vedrà così esibirsi artisti provenienti da ogni parte del mondo come Mory Kanté, Enzo Avitabile & Bottari, Raiz, Sud Sound System, Asian Dub Foundation e Balkan Beat Box.
«I giorni del fuoco» profumeranno, però, anche di enogastronomia grazie a Cupasgri, salone della degustazione dei sapori locali provenienti dalle migliori aziende dell’eno-agroalimentare della Valle della Cupa, e alla rassegna delle cantine del Parco del Negramaro e dell’associazione Città del vino.
Grande spazio verrà, inoltre, dato all’arte. Accanto a una mostra dedicata al torinese Ugo Nespolo, saranno esposti gli scatti di Mario Cresci, docente di teoria e metodo della fotografia all’Accademia di Belle arti di Brera, che documentano l’edizione 2012 della festa, mentre Letizia Battaglia, artista siciliana celebre per le sue foto che hanno come soggetto gli orrori della mafia, parteciperà all’evento come Premio Fòcara fotografia 2013. Non mancherà, infine, la tradizionale installazione site spefic d’autore: lo scorso anno toccò a Mimmo Paladino con i suoi grandi e colorati cavalli di cartapesta, quest’anno sarà lo stesso Ugo Nespolo, con il suo stile pop, a rendere ancora più magica la notte salentina.

Didascalie delle immagini 
[fig. 1] Manifesto di Ugo Nespolo per la Fòcara 2013; [fig. 2] La Fòcara, accensione del fuoco 
[si ringrazia Daniela Fabietti dell’Agenzia Freelance di Siena per le immagini] 

Informazioni utili 
La Fòcara 2013. Novoli (Lecce). Mercoledì 16 gennaio 2013, dalle ore 20.00. Informazioni,. Ufficio cultura del Comune di Novoli, tel. 0832.712695 (da lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 14.00)., cell. 335.8202336; cultura@comune.novoli.le.it. Sito web: www.fondazionefocara.com/.